Sulla cresta dell'onda

ITALIA

La cartografia in Italia: nuovi metodi e strumenti dal 700 a oggi.
Genova, Palazzo Ducale 21-22 giugno 2007

La cartografia in Italia: nuovi metodi e strumenti dal 700 a oggi. Genova, Palazzo Ducale
21-22 giugno 2007.
A cura del
Consiglio Nazionale Geometri
in collaborazione con
Comitato Regionale Ligure dei Collegi dei Geometri
e
Collegio dei Geometri di Genova

Il convegno, nel Salone del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale, è stato articolato in quattro sessioni di lavoro, dedicate alla cerimonia di apertura, alle carte storiche, alla cartografia ufficiale dello Stato e all'impatto delle nuove tecnologie per la comunicazione geografica.

Da sinistra: il direttore dell'Istituto Idrografico, contrammiraglio P. Cagnetti; il geom. P. Panunzi, presidente del Consiglio Nazionale Geometri; il geom. L. Piccinelli, presidente del Collegio dei Geometri di Genova; il dott. A. Dimundo, presidente del Tribunale di Genova.

In particolare, il 21 giugno si è celebrata la "Giornata mondiale dell'Idrografia" - per ricordare la fondazione, nel 1921, dell'Organizzazione Idrografica Internazionale con sede operativa nel Principato di Monaco - con un intervento del direttore dell'Istituto Idrografico della Marina, contrammiraglio Pierpaolo Cagnetti, dal titolo "La cartografia elettronica, elemento essenziale per la sicurezza e lo sviluppo delle attività in mare.

Nell'ambito di tale celebrazione l'Istituto Idrografico ha firmato un importante Accordo Quadro con la Regione Liguria, rappresentata dal presidente Claudio Burlando.

La firma dell'Accordo ...
... e un cordiale scambio di doni

I successivi interventi hanno sottolineato l'importanza delle carte storiche come fonti documentarie, imprescindibili per lo studio e per la conoscenza approfondita del territorio; hanno offerto uno spaccato sullo studio della cartografia ufficiale italiana e le sue prospettive future attraverso l'illustrazione delle peculiarità attuali e dei progetti in corso presso l'Istituto Geografico Militare, la Direzione Generale Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare, l'Istituto Idrografico della Marina, il Servizio Geologico d'Italia, il Centro Informazioni Geotopografiche Aeronautiche e le Regioni; e hanno consentito di aprire una riflessione sui nuovi orizzonti offerti dalle tecnologie informatiche per la comunicazione in campo geografico.

Il tema della prima giornata di lavori, per il coordinamento di Massimo Quaini dell'Università degli Studi di Genova, è stato: Carte e cartografi: attualità dei documenti cartografici proto-geometrici, con i seguenti interventi:

·Mario Bevilacqua - Università degli Studi di Firenze
Geometri e catasti nell'Italia del Settecento

·Luisa Rossi - Università degli Studi di Parma
La nascita delle carte a curve di livello in Italia. L'attività della brigata Clerc nel Golfo di La Spezia

·Diego Moreno, Roberta Cavasco - Università degli Studi di Genova
Una fonte per la storia e l'archeologia delle risorse vegetali: le carte topografiche della montagna ligure

·Lorenzo Papa -Istituto Idrografico della Marina- e Sara Morucci, APAT
Il mareografo fondamentale di Genova. Analisi delle variazioni di livello del mare dal 1884 al 2006

·Claudio Cerreti - Università degli Studi di Roma "La Sapienza"
Cartografi e cartografie nel tempo

Nella mattinata del 22 giugno sono state rese le seguenti relazioni, con il coordinamento di Luigi Di Prinzio dell'Università IUAV di Venezia:

Carlo Colella - Comandante dell'Istituto Geografico Militare
La produzione e i progetti dell'Istituto Geografico Militare

Carlo Cannafoglia - Direttore Centrale Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare
L'attività e i progetti dell'Agenzia del Territorio nel settore della cartografia

Pierpaolo Cagnetti - Direttore dell'Istituto Idrografico della Marina
La produzione e i progetti dell'Istituto Idrografico della Marina

Domenico Tacchia - Coordinatore del Settore Cartografico - Servizio Geologico d'Italia
La produzione e i progetti del Servizio Geologico d'Italia

Mario D'Antonio - Direttore del Centro Informazioni Geotopografiche Aeronautiche
La produzione e i progetti del Centro Informazioni Geotopografiche Aeronautiche

Domenico Longhi - Coordinatore del Centro Interregionale
Le attività cartografiche delle regioni ed i progetti del Centro Interregionale

I lavori sono proseguiti con la sessione pomeridiana intitolata Una scienza al servizio dei cittadini: i nuovi orizzonti della Information Communication Technology per il territorio, con il coordinamento di Fernando Sansò del Politecnico di Milano:

Domenico Sguerso - Università degli Studi di Genova
I servizi di posizionamento satellitare

Giovanni Bianchini - Compagnia Generale Riprese Aeree
Nuove Tecnologie per il rilevamento e la rappresentazione delle informazioni geografiche

Mattia Crespi - Università degli Studi di Roma "La Sapienza"
Le immagini satellitari ad alta risoluzione per la gestione del territorio, la formazione e l'aggiornamento dei DB cartografici

Lucia Pasetti - Regione Liguria
Gis e Web-Gis: il ruolo delle Regioni per un nuovo concetto di servizio pubblico

Giovanni Biallo - Direttore di "Mondo GIS"
La dimensione odierna della Information Communication Technology in campo geografico

Andrea Cantile - Istituto Geografico Militare
Sfide e prodigi di una professione antica e viva: il ruolo sociale del cartografo nel XXI secolo

Il convegno si è concluso con i saluti del Presidente del Consiglio Nazionale Geometri.


Al convegno si è affiancata una mostra, dal 18 al 24 giugno, che ha illustrato il tema dell'evento con carte e strumenti, curata dall'arch. Andrea Cantile dell'Istituto Geografico Militare.

L'assessore regionale Giovanni Battista Pittaluga inaugura la mostra; alla sua sinistra il geom. L. Piccinelli; alla sua destra il contrammiraglio P. Cagnetti e l'assessore comunale Bruno Pastorino
Le suggestive sale del "Munizioniere" del Palazzo Ducale, che hanno accolto documenti e strumenti messi a disposizione dai diversi Enti cartografici promotori dell'evento
Il contrammiraglio Cagnetti illustra al presidente Claudio Burlando il mareografo di tipo "Thomson", appartenente alla collezione di strumenti antichi dell'Istituto Idrografico
Il contrammiraglio Cagnetti, affiancato da Elisabetta Zamboni e Marco Carlevaro dell'Istituto Idrografico, illustra al presidente Burlando lo scandaglio a filo messo a punto da G. B.Magnaghi, fondatore dell'Istituto Idrografico
l'arch. Andrea Cantile, curatore della Mostra, illustra una raccolta di bulini, raschietti e altri accessori per l'incisione delle matrici in rame delle carte esposte
Lo sferoscopio del Pino (trasformatore di coordinate che consente la lettura delle coordinate degli astri) e il sestante con graduazione in oro, realizzato presso l'Istituto Idrografico e assegnato, con altri strumenti, alla spedizione polare del Duca degli Abruzzi
L'arch. Cantile illustra l'Atlante Marittimo delle Due Sicilie di G. A. Rizzi Zannoni, di proprietà dell'Istituto Idrografico
Il frontespizio dell'Atlante Marittimo del Rizzi Zannoni, e la corrispondente matrice di rame, di proprietà dell'Istituto Geografico Militare, realizzata da Christoph Kniep nel 1792. Recentemente la matrice è stata restaurata a cura dell'Istituto Idrografico, insieme con le altre 23 da cui è stato stampato l'Atlante, recentemente esposte a Napoli, presso la Sala Dorica del Palazzo Reale, in occasione della mostra I Rami dell'Atlante Marittimo. Matrici, disegni, documenti del primo rilievo idrografico del Regno di Napoli, a cura del prof. Vladimiro Valerio.
Alla visita inaugurale della Mostra ha fatto seguito una conferenza stampa, per presentare ai media la complessa prestigiosa iniziativa organizzata dal Consiglio Nazionale dei Geometri, con il concorso dei numerosi Enti tecnici e Università partecipi dell'evento

Per sottolineare ulteriormente l'importanza dello sfaccettato evento, l'Istituto Idrografico è stato aperto alla cittadinanza: per la prima volta nella sua storia, quasi duecento visitatori, ordinatamente suddivisi in gruppi, sono stati scortati lungo i percorsi dell'antico bastione cinquecentesco sul quale, intorno al 1820, fu costruito il forte sabaudo che nel 1860 accolse un osservatorio astronomico e poi divenne la sede dell'Ente cartografico nel 1872.

Alcuni visitatori nel reparto di Cartografia Elettronica
La signora Paola Antonioli illustra preziose opere scientifiche e cartografiche conservate presso la Biblioteca dell'Istituto Idrografico


La composita prestigiosa manifestazione si è conclusa con l'inaugurazione dell'Ufficio "Nautica", nuovo e unico punto vendita dell'Istituto Idrografico presso la Stazione Marittima di Genova, alla presenza dell'assessore del Comune di Genova Roberta Morgano.

L'assessore Roberta Morgano inaugura il nuovo ufficio-vendite
Il contrammiraglio Cagnetti illustra alcuni documenti nautici in vendita presso l'Ufficio "Nautica" agli illustri ospiti, tra cui la Moglie del compianto ammiraglio Luigi Durand De La Penne
La signora De La Penne si intrattiene con l'assessore Morgano e con il comandante Domenico La Faia, capo servizio Relazioni Esterne dell'Istituto Idrografico


In occasione del Convegno Nazionale su La cartografia in Italia... l'Istituto Geografico Militare - come si legge nella Prefazione del comandante dell'IGM Carlo Colella e del presidente del Consiglio Naz. Geometri Piero Panunzi - ha voluto realizzare e diffondere, con il contributo del Consiglio stesso, una riproduzione anastatica della prima edizione italiana edita a Firenze nel 1675 dei Modelli di topografia disegnati e acquerellati da A. M. Perrot.
Edizione critica italiano-francese a cura di Andrea Cantile (Firenze, I.G.M., 2007).
Parimenti il Collegio dei Geometri di Genova ha pubblicato un numero speciale (giugno 2007) de Il geometra ligure, dedicato al Convengo, ricco di testi specialistici: all'Editoriale di Arnoldo Juvara e alla Presentazione di Piero Panunzi fanno seguito BI[EA]T E[EART]H di A. Di Certo; La terra vista dal cielo di L. Olcese; Storia ed evoluzione della cartografia catastale di P. De Lorenzi; L'Istituto Idrografico della Marina, a Genova di P. Presciuttini; Nolli "celebre geometra" e la sua nuova pianta di Roma di M. Bevilacqua; La formazione del geometra è il futuro di F. Finocchiaro; La cartografia del territorio urbano a grandissima scala di G. Grossi.



Fotografie di Andrea Belardi, Marco Carlevaro, Mauro Pizzimenti e Marco Villa, Genova, 21-22 giugno 2007


A cura di
Paola Presciuttini (28 maggio 2005, aggiornamento 20 settembre 2005)

en