Sulla cresta dell'onda

OLANDA

Il viaggio in Cina di Jan Nieuhoff

Spesso, come già accennato, le opere nautico-cartografiche erano fondate su descrizioni di viaggiatori e mercanti. Ne è un esempio poco noto, ma esauriente nella narrazione e splendido nelle illustrazioni, il resoconto di un'ambasceria olandese in Estremo Oriente redatto da Jan Nieuhoff nel 1665, e tradotto in francese con il titolo L'ambassade de la Compagnie Orientale des Provinces Unies vers l'empereur de la Chine, ou Grand Can de Tartarie faite par ... Pierre de Goyer et Jacob de Keyser ... Le tout receuillis par ... Jan Nieuhoff ... mis en françois ... par Jean Le Carpentier.

L'opera è arricchita da 35 vedute, una carta geografica e numerose figure, tra cui un ritratto di Jean Baptiste Colbert, al quale l'edizione francese è dedicata.

L'Autore accompagnava la delegazione olandese presso l'Imperatore della Cina, intesa ad allacciare relazioni commerciali, con il compito di riferire alla Compagnia Olandese delle Indie Orientali il risultato, peraltro deludente, dell'iniziativa.

Il resoconto del viaggio ottenne invece ampio successo di pubblico ed ebbe svariate traduzioni, probabilmente per l'abbondanza di notizie sui costumi di quel Paese.

Cina. Jan Nieuhoff, 1665
La città e il castello di Batavia.
(Roma, Biblioteca Casanatense)

Pur con l'assunzione dell'attività idrografica da parte della Marina Militare olandese nel 1787 - attraverso l'istituzione di un'apposita Commissie - la pubblicazione e la vendita di carte nautiche e portolani rimasero appannaggio dei van Keulen fino al 1848, quando il Ministero della Marina, attraverso il proprio Servizio idrografico, iniziò la vendita diretta ma non esclusiva, perdurando ancora oggi la distribuzione al pubblico da parte di rivenditori accreditati.

Le carte sono state riprodotte in Coste del Mondo nella cartografia europea:1500-1900, (179 p., circa 300 immagini), da Priuli & Verlucca, editori, Ivrea, 2000.)

Utrecht Research Program in the History of Cartography: un repertorio degli atlanti e portolani pubblicati in Olanda fino alla fine dell'Ottocento, variamente ubicati nel mondo
en