Sulla cresta dell'onda

ITALIA

Sant'Anatolia di Narco (PG)
Seminario di Studi
"Cartografia storica e Collezionismo in Italia"

Siamo grati all'Associazione " Roberto Almagià " - Collezionisti Italiani di Cartografia Antica per quest'importante comunicazione:
Sant'Anatolia di Narco
"Cartografia storica
e Collezionismo in Italia"

30 maggio - 1 giugno 2008
III Convegno di studi
II Mostra Mercato
di Cartografia e Vedutismo
31 maggio - 1 giugno 2008

Dal 30 maggio al 1° giugno 2008 il Seminario di studi "Cartografia storica e collezionismo in Italia" ha offerto una nuova occasione d'incontro a collezionisti, appassionati e curiosi, mercanti e ricercatori di cartografia antica, grazie all'evento organizzato dal Comune di Sant'Anatolia di Narco (PG), con la Provincia di Perugia - Assessorato all'Ambiente, il Consorzio BIM, l'Arcidiocesi Spoleto-Norcia e il Lions Club Valnerina, sotto il patrocinio del CISGE - Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, della Società Geografica Italiana e dell'Associazione " Roberto Almagià " - Collezionisti Italiani di Cartografia Antica.

L'Associazione "Roberto Almagià" ha lo scopo di promuovere la divulgazione e la conoscenza della cartografia e della stampa antiche. Ha scopi culturali e non ha fini di lucro. Obiettivo principale dell'Associazione è di far condividere il grande patrimonio di conoscenze, studi e materiale al momento disperso tra persone ed enti su tutto il territorio nazionale, collegando una serie di realtà locali, in parte già esistenti, per inserirle in un sistema integrato di collezionisti, studiosi ed istituzioni, così da favorire la crescita e la diffusione di una cultura della cartografia storica e della stampa antica, nonché del rispetto e della tutela di tale ingente patrimonio.
Maggiori indicazioni sono riportate al sito ASSOCIAZIONE "ROBERTO ALMAGIA".

Questo terzo convegno annuale di Sant'Anatolia di Narco (PG) è stato incentrato sulla figura del cartografo quale "costruttore di mappe".

Il convegno è iniziato venerdì 30 maggio, alle ore 17.00, presso la Chiesa Madonna delle Grazie, con l'inaugurazione della mostra cartografica "L'Italia e le sue regioni nella bottega dell'incisore - Venezia e Roma nel '500", in cui sono state esposte rare carte dell'Italia e delle regioni italiane dei cosiddetti "Atlanti Lafreriani" (dal nome dal nome dell'editore, il francese Lafréry, che a Roma si dedicò alla pubblicazione di carte geografiche), costituiti da raccolte di incisioni stampate su foglio volante ed assemblate su richiesta da parte degli incisori operanti nel '500 a Venezia e a Roma.

In quella città, infatti, l'avvento della cultura rinascimentale, con la necessità di allargare i propri orizzonti e di dare accesso alla conoscenza della rappresentazione del territorio da parte degli artisti e dei tecnici attivi nell'epoca, favorì la nascita di alcune botteghe calcografiche.

Tra le opere esposte, si sono ammirate anche alcune delle prime carte geografiche a stampa che hanno influenzato per oltre un secolo la rappresentazione di tutto il territorio italiano, dalle carte dell'Italia e della Sicilia del geografo Giacomo Gastaldi, alle carte di Piemonte, Sardegna, Lombardia e Veneto edite da Ferrando Bertelli, alle sorprendenti carte della Toscana di Gerolamo Bell'Armato e della Marca d'Ancona del Luchini, alle carte della Campagna Romana ispirate all'unico esemplare esistente nella Biblioteca Vaticana del cartografo fiorentino Eufrosino della Volpaia, sino alla straordinaria carta del Regno di Napoli di Pirro Logorio, oltre alle eccezionali carte edite, tra gli altri, da Antoine de Lafréry, Salamanca, Duchetti, Orlandi, Forlani, Valegio, Vaccari, Rasciotti, Giolito, Maza, Monaco, Franceschi, Donato Bertelli, Camocio.

Tale mostra ha rappresentato un'occasione unica per i visitatori, perché le opere esposte provenivano esclusivamente da collezioni private, la cui riproduzione è inedita, ed i pochi esemplari di carte similari conservati presso le principali biblioteche nazionali ed internazionali non sono accessibili al pubblico, ma consultabili solo attraverso le relative copie.

L'eccezionalità dell'evento è stata sottolineata dal Comune di Sant'Anatolia di Narco e dalla Provincia di Perugia - Assessorato all'Ambiente, con la pubblicazione di un catalogo delle oltre quaranta carte geografiche esposte, realizzato grazie alla collaborazione sviluppata tra addetti ai lavori e collezionisti.

Alla presentazione del libro, in occasione dell'inaugurazione della mostra, sono intervenuti il dott. Sauro Cristofani, assessore all'Ambiente della Provincia di Perugia, ed il prof. Vladimiro Valerio, dell'Università IUAV di Venezia.

Il Seminario è proseguito sabato 31 maggio e domenica 1 giugno con il Convegno "I costruttori di mappe - Arte, Scienza, Immaginazione e modelli culturali nell'opera del cartografo", articolato in tre sessioni, che hanno consentito un'analisi dell'opera dei cartografi nei secoli scorsi, in cui la costruzione delle carte rappresentava la sintesi di Arte, Scienza, Immaginazione e Modelli Culturali coevi, sino a considerarne la ridefinizione nel terzo millennio, in cui questi elementi cedono il passo alle nuove tecnologie.

Sabato (ore 10.30) I Sessione: Cartografi e Arte - Cartografi e Scienza
Celestino Ricci
"Picciolo Atlante del Regno di Napoli"

(Vladimiro Valerio - Collezionista)
Il Cartografo del terzo millennio tra antichi saperi e nuove tecnologie (Andrea Cantile - Istituto Geografico Militare)
Giuseppe Rosaccio,
cartografo del tardo '500

(Simonetta Conti - Seconda Università degli Studi di Napoli)
Sabato (ore 17.00) II Sessione: Modelli Culturali
Benedetto Marzolla: l'eredità geostatistica e l'etica cartografica
(Elio Manzi - Università degli Studi di Palermo)
La cartografia regionale Italiana nelle così dette carte Lafreriane
(Emilio Moreschi - Collezionista)
Carte e Iconografia in alcuni viaggiatori del Settecento
(Ernesto Mazzetti - Università degli Studi di Napoli Federico II)
Domenica (ore 10.00) III Sessione: Cartografi e Immaginazione
Le carte della Moscovia e del Caucaso costruite su relazioni di viaggio (Patrizia Licini - Università degli Studi di Milano)
Fantastico e immaginario
(Paola Presciuttini - Istituto Idrografico della Marina)

Durante il seminario, sabato 31 maggio, alle ore 19.00, è stato anche proiettato un video sul metodo di stampa, con torchio tipografico, di una lastra in rame all'acquatinta e acquaforte, a cura del dott. Francesco Trippini.

Accanto a questi eventi di carattere formativo, negli stessi giorni di Sabato 31 maggio e Domenica 1 giugno si è svolta la 2° Mostra mercato "Cartografia e Vedutismo", a cura di dieci tra i migliori antiquari nazionali specializzati in carte geografiche, incisioni topografiche e vedutistica, in una manifestazione di settore specializzata unica nel suo genere, in Italia.

E, per finire, alcune immagini della mostra mercato:

Giugno 2008
en