Sulla cresta dell'onda

GRAN BRETAGNA

Greenville Collins e il Great Britain's Coasting Pilot

Poiché i primi "waggoner" inglesi - di Fisher, Moxon, Seller, Thornton - erano prevalentemente rifacimenti da vecchie matrici olandesi e francesi non aggiornate nel contenuto idrografico, con l'intensificarsi della navigazione aumentarono gli incidenti dovuti in parte all'imprecisione delle carte. Inoltre, nel 1667 gli Olandesi, risalito il Tamigi, avevano attaccato e decimato la flotta inglese, bombardando le vicinanze di Londra.

Fu quindi evidente in tutta la sua gravità che essi avevano delle acque costiere dell'Inghilterra una conoscenza superiore a quella degli stessi Inglesi. L'Ammiragliato e la Compagnia delle Indie Orientali ravvisarono pertanto la necessità di effettuare l'accurato rilievo ex novo delle coste britanniche.

Dartmouth
Manoscritto anonimo e non datato ma attribuito a Greenvile Collins [1693]
mm. 560 x 419, scala grafica in miglia inglesi, Nord a destra. (Taunton, UK Hydrographic Office)

L'incarico fu affidato, nel 1681, a Greenvile Collins, che aveva iniziato la sua carriera in Marina nel 1669, partecipando alla spedizione di Sir John Narborough nello Stretto di Magellano e lungo le coste cilene, e aveva poi prestato servizio nei mari del Nord e in Mediterraneo. Una brillante carriera e la sua vasta esperienza idrografica gli valsero quindi sia il titolo di "Idrografo del Re" sia, nel 1681 con apposito decreto reale, il comando del cutter "Merlin", maneggevole e quindi idoneo al rilievo sotto costa, affinché assolvesse tale impegnativo compito.

I lavori richiesero poco più di una decina d'anni e finalmente, nel 1693, venne pubblicato il Great Britain's Coasting Pilot comprensivo di 48 carte di cui non meno di 25 attribuite personalmente a Collins. Sebbene i contemporanei non ritenessero quell'atlante molto accurato, esso ebbe ben 21 riedizioni - compresa una versione francese nel 1757 - e fu ristampato nel corso di quasi un secolo.

Il Servizio idrografico britannico conserva una pregevole raccolta di carte precedenti alla fondazione del Servizio stesso, disegnate ed incise sulla scorta dei rilievi prodotti da ufficiali di Marina, idrografi per necessità, nel corso di operazioni navali di routine.

A titolo esemplificativo se ne riproducono alcune. Di John Mitchell, datata 1733, è una carta della foce del Tamigi . Nel cartiglio a sinistra si trova la dedica "To the Right Hon.ble / S.r Charles Wager Kn.t / First Lord Commissioner of the / Admiralty and one of his Maj.sty / most Hon.ble Privi Council & / This Chart of the Entrance of / the River Thames and Medway / and Places adjacent, together with the / Floating Light moored at ye Nore Sand / for the Direction and Safety of Navigation / by Night, is most humbly Dedicated by / R.t Hon.ble Sir / Your most Obliged and most / Obedient Serv.t / David Aiery / Surveyed by Capt John Mitchell / 1733".

Inghilterra, foce del Tamigi. John Mitchell, 1733
Incisione acquerellata, mm. 710 x 500 circa, scala grafica in miglia, Nord in basso. (Taunton, UK Hydrographic Office)

La carta ha lo stile ornato tipico dei "waggoners", con l'elaborata rosa policroma, la minuziosa raffigurazione prospettica di alberi, rilievi e chiese, ripresi "a volo d'uccello" e i velieri in navigazione. Elemento importante da un punto di vista nautico è il battello-fanale davanti alle secche di Nore, appena istituito, primo tra i consimili segnalamenti sulle coste inglesi. In alto a destra, in apposito riquadro, è una piccola veduta di Sheerness alla foce del Medway, animata dal movimento del mare e dai numerosi velieri, sulla quale è ripetuto in primo piano il battello-fanale di Nore.

Tobago, [1749].
Ms. acquerellato mm. 520 x 330 circa, scala grafica in miglia,
Long. dal meridiano di Londra.
(Taunton, UK Hydrographic Office)

Una carta di Tobago è anonima e non datata, tuttavia la scritta in basso dice che "On this sunken Rock His Majesty's ship Chesterfield struck having XV Fa.m the Coast before. AD 1748/9". La nave era stata coinvolta in un ammutinamento nell'ottobre 1748 mentre si trovava alla fonda davanti a Cape-Coast, sulla costa africana occidentale, ed era stata poi condotta dai rivoltosi alle Barbados. Lì, nel gennaio dell'anno successivo, era tornata sotto il controllo di R.Tyrrel che, al comando della "Speedwell", si recava a Tobago per scongiurare il pericolo che i Francesi potessero riprendere possesso dell'isola.

In quell'occasione Tobago venne accuratamente rilevata per essere poi rappresentata su questa carta che comprende anche due vedute di costa: in alto "The NE Prospect of the Island when the Rocks of St Giles bear S by W 3 Leagues" e, in basso "Thus appears the Island when it bears W by S 5 or 6 Leagues".

Le carte sono state riprodotte in Coste del Mondo nella cartografia europea: 1500-1900, (179 p., circa 300 immagini), da Priuli & Verlucca, editori, Ivrea, 2000.)
en