Sulla cresta dell'onda

GRAN BRETAGNA

La casa editrice Mount & Page

Tra le case editrici che producevano cartografia per uso della navigazione mercantile, si distingueva la "Mount & Page", attiva fin dagli inizi del Settecento, che nella seconda metà del secolo pubblicò un atlante-portolano delle coste atlantiche, dall'Irlanda alla Scozia, fino alle isole di Capo Verde. L'opera era intitolata The / English Pilot / for the / Southern Navigation / descending the / Sea Coasts, Capes, Headlands, Bays, Roads, Harbours, / Rivers and Ports: / together with the / Soundings, Sands, Rocks, and Dangers / on the / Coasts of England, Scotland, Ireland, Holland, Flanders, / Spain, Portugal, to the Streight's - Mouth; with the / Coasts of Barbary, and off to the Canary, Madeirs, / Cape de Verde and Western Islands. / Shewing the / Courses and Distances from one Place to another; the / Setting of the Tides and Currents; the Ebbing and / Flowing of the Sea, Ec./ London: / Printed for J. Mount, T. Page, and W. Mount, / on Tower - Hill. / M.DCC.LXXVI. (L'opera è consultabile presso l' Istituto Idrografico della Marina).

Il primo English Pilot, pubblicato da John Seller nel 1671-72 in due volumi rilegati in uno, ciascuno con un proprio titolo, per i tipi di John Darby, era stato ristampato in diverse edizioni per ancora qualche decennio. L'opera era stata poi rielaborata da John Thornton in quattro volumi, nel 1703, e aveva subito ancora un rifacimento nel 1708, da parte della casa editrice Mount & Page - in cooperazione con Samuel Thornton, figlio di John - che ne pubblicò successivamente versioni rivedute, sino alla fine del secolo. Il portolano, nell'edizione in folio qui descritta (Genova, Istituto Idrografico della Marina), comprende il Libro Primo del 1776 di 92 pagine e 25 carte, e il Quarto Libro datato 1778, di 66 pagine e 25 carte.

La Manica (particolare)
mm. 845 x 420, scala grafica in leghe inglesi e francesi.
Nel cartiglio a sinistra "A new Chart / of the / British Channel / Extending from North Foreland, to Scilly Isles &c. / on the English Shore: / and from Dunkirk to Ushent, on the French. / Collected from Accurate Surveys. / Whereunto are added the Flowing of the tydes / & Setting of the Currents, as they where observed / by Capt. Edm.d Halley / Sold by I. Mount and T. Page on Tower Hill / London". La carta non è datata ma il fatto che E. Halley figuri quale autore consente di assegnarla ai primi anni del 1700. Pubblicata probabilmente in The English Pilot di John Thornton nel 1703, venne poi inserita da Mount & Page nei loro portolani-atlanti fino alle riedizioni di fine secolo. In alto, figurano vedute delle isole Scilly e di Lizard, in Cornovaglia.

Nell' English Pilot compaiono, secondo l'uso ricorrente del tempo, profili costieri dal tratto poco accurato, che accompagnano nel testo la descrizione della costa.

Dalla p. 5 sono tratti i profili da Dunwich fino a Blakeney, di cui particolarmente significativo è quello di Walderswick - Southwould, che, concepito come veduta di costa, è in effetti una minuscola carta costiera per il numero di informazioni nautiche che vi compaiono: fitti fondali, punti di buon ancoraggio indicati con una piccola ancora, e una freccia che indica il Nord.
Tago.
A p. 80 figura invece "A map of the River Taie to Lisbon Done from a New Survey", ossia una carta del Tago dalla foce a Lisbona, incisa da S. Parker. Pur essendo una planimetria, le sponde del fiume sono tracciate - secondo una consuetudine frequente ancora nel XVIII secolo - in guisa di veduta prospettica, come le vedrebbe chi navigasse lungo il fiume, cosicché sulla carta la riva sinistra appare disegnata a rovescio.
en