Sulla cresta dell'onda
artetitle

Ariete

I Greci imposero a questa costellazione il nome di Krioς, da cui il latino aries, cioè "ariete". All'importanza astronomica di questa costellazione non corrisponde una particolare luminosità, tanto che non è facile da individuare. Ad essa è tuttavia associata una delle più belle storie del mito greco.

Nefele, dea delle nubi, andò sposa ad Atamante, figlio di Eolo, re di Orcomeno in Beozia. Dalla loro unione nacquero due figli, Frisso, "la pioggia che scroscia", ed Elle, " la viva luce". In seguito Atamante abbandonò Nefele per sposare la malvagia Ino. La dea, offesa, tornò nel suo Olimpo e, per punizione, colpì il regno dell'ex marito con una persistente siccità.

Ino odiava i figliastri e cercò di convincere lo sposo a sacrificarli a Zeus, per ottenere la fine di quella calamità. Nefele chiese allora l'intercessione degli dei che, impietositi, inviarono un ariete dal vello d'oro per sottrarli al sacrificio.

Così Frisso ed Elle, in groppa all'ariete, iniziarono il volo verso la Colchide, dove avrebbero chiesto asilo al re Eete. Tuttavia, durante il viaggio Elle cadde in quel braccio di mare tra Asia ed Europa - l'odierno stretto dei Dardanelli - che fu chiamato, in sua memoria, "Ellesponto", cioè "mare di Elle".

Frisso, invece, riconoscente agli dei per averlo salvato, sacrificò l'ariete a Marte e donò il vello d'oro ad Eete, che lo pose sotto la custodia di un drago perennemente insonne, dove restò fin quando Giasone e gli Argonauti non riuscirono ad impadronirsene.

costellazione Ariete

Il gruppo dell'Ariete può essere riconosciuto per un immaginario archetto che rappresenta la testa del montone, e unisce la stella più luminosa "Hamal" con la "Sheraton" e con la "Mesarthin". Il resto dell'animale è delineato da pochi deboli astri.

L'area della costellazione è di 440 gradi quadrati di firmamento e in questa plaga si contano appena quattro corpi di splendore superiore alla magnitudo 4 m.

L'Ariete confina con il Triangolo e il Perseo a nord, con il Toro a levante, con la Balena a sud e con i Pesci a ponente.

La costellazione passa in meridiano, intorno alla mezzanotte, alla fine di ottobre.

La si può vedere più agevolmente al suo transito in meridiano, intorno alle 21, a metà dicembre.

en