Sulla cresta dell'onda
artetitle

Pesci

Quando Zeus detronizzò il padre Crono, i Titani figli di Urano si opposero al sovvertimento ma furono sconfitti da Zeus il quale, con l'aiuto degli altri dei, dei Ciclopi e dei Giganti Centimani, li incatenò e li sprofondò nel Tartaro. Gea, dea della Terra e madre dei Titani, per vendicare i figli generò Tifone, mostro gigantesco tra tutti, e lo aizzò contro Zeus al fine di spodestarlo dal trono olimpico.

Pesci

Gli dei, atterriti dalla forza e dalla brutalità di Tifone, presero a fuggire per ogni dove, assumendo la forma di animali diversi. Afrodite, dea della bellezza, si gettò nell'Eufrate con l'inseparabile figlio Eros, assumendo entrambi la forma di pesci, legati l'uno all'altro da un lungo nastro.

Da quel momento i pesci, consacrati ad Afrodite, furono accolti nei cieli in forma di costellazione, mentre Tifone, alla fine sconfitto da Zeus, fu precipato nei visceri della terra sotto l' Etna, da dove non ha cessato di emettere fiamme e fumo, in un eterno brontolio.

La costellazione è attraversata dal Sole dal 10 marzo al 17 aprile e culmina verso la fine di novembre verso le ore 21. Occupa una vasta area oscura perché è priva di astri luminosi, ed è attorniata da Triangolo, Andromeda, Pegaso, Acquario, Balena e Ariete.

en