Sulla cresta dell'onda
artetitle

Toro

Europa è il nome di varie eroine della mitologia. La più famosa era la figlia di Agenore e di Telefassa, della cui bellezza Zeus si invaghì, vedendola giocare con le compagne sulla spiaggia di Sidone, o di Tiro, di cui suo padre era re. Per poterla avvicinare, assunse le sembianze di un toro dal candore abbagliante, con le corna a forma di falce di luna. Poi, docile, andò ad accosciarsi ai piedi della ragazza che, attratta dal suo splendore e dalla sua mansuetudine, cominciò a giocare con lui e ad adornarlo di fiori, e poi gli salì in groppa. Il toro si slanciò allora verso il mare, noncurante delle grida della giovane, e a nuoto raggiunse Creta. Nei pressi di una fonte si unì a lei all'ombra dei platani, che - in memoria di quell'amore - ebbero il privilegio di non perdere le foglie. Dall'unione nacquero Minosse, Sarpedone e Radamanto. Zeus donò ad Europa Talo, il bronzeo guardiano di Creta a perenne protezione dell'amata, un cane che non mancava mai la preda e un dardo che non falliva il bersaglio, e poi la diede in sposa al re di Creta, il quale adottò i suoi figli. Dopo la morte ad Europa vennero tributati onori divini, mentre il toro che aveva prestato le sue sembianze a Zeus fu trasformato in costellazione.

Toro

La costellazione del Toro è ricca di stelle ed è contornata da vistosi raggruppamenti. L'asterismo, le cui stelle formano una V coricata, delinea la testa dell'animale, la stella principale - Aldebaran - rappresenta l'occhio sinistro, e la seconda stella per importanza - Elnath - segna l'apice del corno destro. Le sette Pleiadi segnano la groppa e il piccolo gruppo delle Iadi sono vicine alla bocca.

La costellazione occupa un'area di circa 800 ° quadrati e confina a nord con il Perseo, a est con i Gemelli, a sud con lo splendente Orione e con Eridano, e a ovest con l'Ariete e con la Balena.

E' ben visibile in febbraio, verso sud, intorno alle ore 19.

en