Sulla cresta dell'onda

Casa Carbone, Lavagna

"La gloria di Colombo".
Composizione di Lazzaro Tavarone tratta dal disegno nel Codice dei Privilegi.

Collezione dei Disegni di Palazzo Rosso, Genova

Un'ulteriore testimonianza di iconografia colombiana, probabilmente ancora non molto nota: si trova a Lavagna, in Casa Carbone, oggi aperta al pubblico grazie al Fondo per l'Ambiente Italiano (FAI), che ne ha curato il restauro.

La palazzina risale alla metà dell'Ottocento ed è stata donata al FAI dagli ultimi proprietari, i fratelli Emanuele (1906-1987) e Siria (1910-1993) Carbone, affinché fosse aperta al pubblico come testimonianza di "come vivevano in Liguria le famiglie borghesi prima che le esigenze della nostra civiltà spersonalizzassero le nostre abitazioni".

Il piano nobile, residenza della famiglia, si compone di svariati ampi locali, con i tradizionali pavimenti "genovesi" a mosaico di graniglia policroma, affreschi alle pareti, arredi e suppellettili rappresentativi del ceto degli abitanti.

Tra questi, svariati importanti quadri cinque-secenteschi, belle porcellane inglesi di rappresentanza per la tavola, pezzi di Limoges e Meissen, argenti riccamente cesellati, raffinati oggetti d'uso personale, libri con eleganti legature (tra cui una Bibbia illustrata del Seicento): il FAI, con la sua tradizionale sensibilità, ha fatto sì che ogni particolare fosse curato nel dettaglio, e oggi l'abitazione - calda e "vissuta" - dà l'impressione che i padroni di casa debbano entrare da un momento all'altro a ricevere gli ospiti.

Il soffitto del salone è interamente occupato da un affresco di data e autore ancora non identificati, che rappresenta - con dovizia di particolari - Colombo che mostra i Nativi ai Sovrani spagnoli.

Perché un'immagine colombiana in una residenza ottocentesca in quel di Lavagna, che si ritiene in origine appartenuta ad artigiani marmisti, certo benestanti ma probabilmente non acculturati?

Forse semplicemente un omaggio al grande Conterraneo, o anche un riferimento ad una presunta origine di Colombo - tra le tante rivendicate in Italia e in Europa - dalla restrostante Val Fontanabuona.


Uno scorcio della casa
Colombo presenta gli Indiani d'America ai Reali di Spagna, al suo ritorno dal primo viaggio
La palazzina è visitabile il sabato e la domenica tra maggio e ottobre, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00, oppure su appuntamento, tel. 0185 393920, mentre il curato giardino può essere affittato per piccoli intrattenimenti.
A cura di Paola Presciuttini, inserimento 20 giugno 2004)

Il FAI – Fondo Ambiente Italiano è una fondazione senza scopo di lucro nata nel 1975 che gestisce e mantiene vivi, per sempre e per tutti, castelli, ville, parchi storici, aree naturali e paesaggi di incontaminata bellezza.
Ma per fare ciò il FAI ha costantemente bisogno dell’aiuto di tutti!
Iscrivetevi al FAI.