Sulla cresta dell'onda

Genova - “Columbus Day” 2009

Straordinaria partecipazione all'omaggio alle Civiltà Precolombiane ed all'incontro tra Vecchio e Nuovo Mondo all'insegna della solidarietà e della fratellanza tra i popoli.

Oltre cinquecento figuranti hanno sfilato domenica 11 ottobre lungo gli antichi chiostri, sagrati e piazze, per incontrare la Genova del XV° secolo dove Colombo trascorse la sua giovinezza.

I gruppi storici italiani ed i gruppi folclorici latinoamericani si sono esibiti con musiche, poesie, canti e brani teatrali, nel pieno rispetto delle loro tradizioni culturali.

Maestro impareggiabile della tradizionale manifestazione, giunta alla diciottesima edizione, il Presidente del Comitato Nazionale per Colombo e dell'International Committee for Christopher Columbus, Bruno Aloi, che da anni persegue con grande successo l'iniziativa di celebrare la scoperta del Nuovo Continente in onore del grande navigatore genovese.

Hanno partecipato ai festeggiamenti:

Accademia Italiana Marina Mercantile
Associazione Culturale "Conoscere Genova"
Associazione Culturale Gli Aleramici -Savona
Associazione Ecuadoriana e Hispana della Liguria - Rapallo
Associazione italo-latinoamericana "Fratelli nel Mondo"
Associazione Nazionale Marinai d'Italia
Associazione Recupero Genovesato e Tradizioni Marinare
Civitas Nauli - Noli (SV)
Compagnia Balestrieri del Mandraccio - Genova
Compagnia dei Viandanti - Arenzano (GE)
Coordinamento Ligure Donne Latinoamericane
Coro della Cura Pastorale per i Latinoamericani di Santa Caterina da Genova
Fraternitad de Urkupina/Bolivia-Bergamo
Gruppo Ballet Santo Domingo/Dominicana - Milano
Gruppo Danza Diablo Huma/Ecuador - Milano
Gruppo Sbandieratori "Alfieri delle Terre Astesi" - Asti
Gruppo Storico A Campanassa - Savona
Gruppo Storico Contea Spinola - Ronco (GE)
Gruppo Storico Culturale Sextum - Genova
Gruppo Storico Fieschi - Casella (GE)
Gruppo Storico "Flos et Leo" - Tortona (AL)
Gruppo Storico I Gatteschi - Genova
Gruppo Storico "Incisa 1514" - Incisa Scapaccino (AT)
Gruppo Storico La Medioevale - Savona
Gruppo Storico Sestrese - Genova
Gruppo Yawar Qosqo/Perù - Genova
I.T. Nautico San Giorgio - Genova
Lega Navale Italiana - Sezione Genova Centro
NOVAE MILITIAE - Cavalieri Ordine San Giovanni di Gerusalemme
Società Nazionale di Salvamento
Mercedes Brito - console della Dominicana - e rappresentanti delle Autorità genovesi

Dopo la deposizione di una corona sulla cosiddetta "Casa di Colombo", attigua al chiostro di Sant'Andrea, tamburi e chiarine hanno introdotto la studentessa Chiara Salice del Nautico San Giorgio che ha letto l'atto notarile con il quale il 18 gennaio 1455 veniva concessa a Domenico Colombo tessitore di lana, padre di Cristoforo, una casa/bottega in vico dritto Ponticello. Con l'attore Daniele Pellegrino nei panni del Grande Navigatore, aveva inizio lo smisurato Corteo Storico. Seguivano i gonfaloni della Regione Liguria, Provincia e Comune di Genova, gli sbandieratori "Alfieri delle Terre Astesi", e via di seguito i variopinti Latinoamericani in rappresentanza del Vecchio Mondo a braccetto con gli austeri e imponenti gruppi storici rappresentanti del Vecchio Mondo, e il folto gruppo marinaro (Accademia Italiana Marina Mercantile, Società Nazionale di Salvamento, Nautico San Giorgio, Associazione Nazionale Marinai d'Italia, Lega Navale Italiana).

Il gonfalone di Noli e il gruppo boliviano dell'Urkupina

Moltissimi tra il pubblico i Latinoamericani che sottolineavano con grandi applausi il passaggio dei Boliviani della Fraternitad de Urkupina, i Peruviani dello Yawar Qosqo, gli Ecuadoriani del Gruppo Danza Diablo Huma, i Dominicani del Ballet Santo Domingo accompagnati dal Console della Repubblica Dominicana, Mercedes Brito Veras, e poi Brasiliani, Cubani e Paraguayani dell'Associazione Fratelli nel Mondo condotta da Marlon Gutierrez, il compatto e allegro gruppo della Corale latinoamericana di Santa Caterina Fieschi, e a chiudere il fantasmagorico e spettacolare corteo del Comitato Ligure Donne Latinoamericane guidate dall' infaticabile Graciela del Pino.

Corale di Santa Caterina

Prima sosta al chiostro e sagrato di San Matteo all'insegna delle grandi famiglie genovesi. Magistralmente diretta da Daniele Calcagno dell'Istituto Studi sui Conti di Lavagna, coadiuvato dai gruppi storici "I Gatteschi", "Incisa 1514" e "Flos et Leo", si è svolta una vera e propria pagina storica con al centro Bartolomeo Fieschi, capitano della Vizcayna nel quarto viaggio di Colombo durante il quale toccò Haiti, Cuba e l'attuale costa dell'Honduras e Panama. Alla corte di Gian Luigi Fieschi, una rassegna d'arme, una pavana, e poi l'arrivo in scena di un messo del mercante genovese Francesco Cattaneo con una lettera di Cristoforo Colombo del 27 dicembre 1504 da Siviglia, indirizzata allo stesso messer Gian Luigi.

Nel successivo chiostro dei Canonici, il gruppo storico Novae Militiae Cavalieri dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme. , ha presentato il culto genovese di San Giovanni Battista, rendendo omaggio al Precursore con aneddoti e madrigali. Le reliquie del Battista vennero portate a Genova nel 1098 e traslate a San Lorenzo. Tra il 1459 ed il 1465 i fratelli Gaggini costruirono nella cattedrale il frontone della "cappella delle ceneri" del Precursore. Cristoforo giovinetto poté seguire la costruzione del loro capolavoro. L'attuale isola di Portorico, scoperta da Colombo durante il secondo viaggio alle Indie, venne da lui intitolata a San Juan Bautista.

Il Chiostro dei Canonici

Sul piazzale antistante la cattedrale di San Lorenzo apoteosi finale con tutti gli oltre cinquecento figuranti schierati in un colpo d'occhio cinematografico. Dapprima il coinvolgente torneo di tiro alla fune "Nina, Pinta e Santa Maria", in omaggio agli equipaggi che scoprirono il Nuovo Mondo, che vedeva vincitori i baldi cadetti dell'Accademia Italiana Marina Mercantile, poi una serie di danze dei gruppi storici e dei gruppi folcloristici latinoamericani.

Riprendevano le pagine storiche della Genova del XV secolo all'insegna della cronaca e della memoria, con una pagina inedita della storia genovese "La rivolta dei funghi", raccontata al pubblico da Marina Cavana che "accompagnava" lo spettacolo offerto dai già citati gruppi storici "I Gatteschi", "Incisa 1514" e "Flos et Leo" con al centro il capitano Bartolomeo Fieschi, detto "delle Indie", compagno del Grande Ammiraglio del Mare Oceano, in una serie di scontri tra le varie fazioni che si dividevano il potere a Genova.

Un breve intermezzo per dare l'opportunità al cadetto di coperta, Jacopo Draghi, dell'Accademia Marina Mercantile, di leggere con vera passione la famosa lettera del 1501, nota come "Arte de navegar", riportata nelle Historie di Don Fernando e indirizzata da Cristoforo Colombo ai Serenissimi Re Cattolici.

Seguiva la grandiosa performance del soprano paraguayano, Cristina Vera Diaz, che iniziava con lo struggente "Atahualpa" e concludeva con il significativo "Il canto a las Américas" coinvolgendo emotivamente i latinoamericani presenti. Era poi la volta degli attori del Circolo Culturale San Fruttuoso impegnati nella recita "L'ammutinamento", che si concludeva con il fatidico grido "Terra, terra", ripreso dal Coro della Cura Pastorale per i Latinoamericani di Santa caterina da Genova, che chiudevano la manifestazione con il "Salve Regina", inno religioso che gli equipaggi di Colombo cantavano la sera al calar del sole, e al momento del sorger dalle acque del Nuovo Mondo, all'alba del fatidico 12 ottobre 1492.

Hanno contribuito al grande successo la giovane e autorevole speaker Antonietta Di Rienzo, Valentina Mazza ed i Volontari Protezione Civile "Città di Genova".

La manifestazione è stata ripresa da Sky TV, reti televisive locali e da TV latinoamericane.


14 ottobre 2009
Foto Giancarlo Merialdi