Sulla cresta dell'onda

Abbiamo creduto di far cosa gradita agli appassionati, raccogliendo i nomi delle imbarcazioni mercantili usate nel Mondo. I testi sono prevalentemente tratti dal Dizionario di Marina medievale e Moderno della Reale Accademia d'Italia (Roma 1937), mentre le immagini provengono dai testi indicati in Bibliografia. La data di pubblicazione delle opere consultate giustifica il linguaggio a volte desueto.


Vuoi imparare a costruire o restaurare barche antiche? Visita www.storiedibarche.it


Suggerimenti, aggiunte, correzioni e immagini saranno gradite: contiamo sulla vostra collaborazione per arricchire la rubrica.

BAGALA

No foto

Barcone a vela, in uso soprattutto nel Mar Rosso, nel Golfo Persico, lungo le coste dell'Africa orientale e dell'India. E' lungo fino a 30 metri, ha prua slanciata e poppa a specchio. Ha due alberi di cui quello di maestra è collocato a metà nave, leggermente inclinato in avanti, mentre quello di mezzana è più basso e meno inclinato. E' attrezzato con vele latine di sciabecco, che nei paesi arabi sono quadrangolari.

BAIDARCA

No foto

"Barchetta fatta d’una pelle di lupo marino da portar due sole persone ... Sulle basidarche gli abitanti delle isole Aleuziane, l’alto mare affrontando, cacciano la lontra saricoviana e combattono contro le più mostruose balene". (Botta, Viaggi, II 172).
Così, con ossatura di legno leggero e conteste di vimini, e poi coperte di cuoio le fece costruire Giulio Cesare (De bello gallico, I 34) nelle Gallie.

BALANDRA (term. fine secolo XVI-XVII)

No foto
- Nave bombardiera (Guglielmotti).
- Barca ormeggiata all’entrata di un porto o di un arsenale, sulla quale si tenevano delle guardie per impedire furti e contrabbandi (Corazzini). Oggi Guardaporto.
- Barca a fondo piatto, impiegata per brevi navigazioni costiere e più di tutto lungo i canali, nel Belgio, ecc. (Valkhoff).

BALANGAI

No foto

Grande barca delle Filippine (Pigafetta, I Viaggio).

BALENIERA

Nave attrezzata per la cattura delle balene. Anche dell'imbarcazione a remi, lunga e sottile, impiegata dalle navi baleniere a vela per l'inseguimento e la cattura del cetaceo.


Incisione da Recueil de petites marines, Paris, 1817, di Jean-Jerôme Baugean.

BALON

No foto

Piccola barca dei Siamesi, scavata in un tronco.

BALOTINA (venez. Ant.)

No foto

Barca a quattro remi, lunga piedi veneti trenta e velocissima al corso. Graziosamente guerrita, si usava in occasione di regate e particolarmente dai patrizi, direttori dello spettacolo, i quali, stando ginocchioni sulla prora, scoccavano per un arco pallottole di creta contro i rematori delle altre barche, i quali si fossero mostrati restii a lasciar libero il passaggio ai lottatori (Mutinelli). Secondo la tradizione, la balotina fu usata in antico per la caccia degli smerghi, in valle.

BALSA

Sorta di battana di schegge sottili, usata dagli indiani di California.


Incisione di Y. le Gouaz su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

BALZA

No foto
- Zattera dell’America meridionale, composta di pelli di vitello marino gonfiate d’aria.
- Nel Perù, zattera di legno leggero con una piccola capanna nella parte posteriore (Bustico).

BANCA

No foto

Piccola barca, fatta d’un sol tronco, usata nei porti delle Antille per trasportare i viaggiatori.

BANKA

No foto

Piroga di Manila, d’un solo tronco, coperta e lunga tra i 5 e gli 8 metri. (Bustico).

BARBARICCIO

No foto

Nelle tonnare in Sardegna, la piccola barca a remi in cui prende posto il rais durante la mattanza.

BARBOTTA (term. ant.)

No foto
- Nave a fianchi rotondi, coperta da tavole, cuoi e piastre inarcate a protezione dei combattenti (Guglielmotti). Il Corazzini vuole che l’inventore sia stato Corrado di Monferrato il quale certo ne fece costruire per l’assedio di Tiro, verso il 1187.
- Barca pontata per la navigazione interna e specialmente fluviale, ricordata dal Sanudo nei suoi diari (20 agosto 1509).

BARCACCIA

No foto

In passato, sia sulle navi da guerra sia su quelle mercantili, l’imbarcazione più grande, robusta ed attrezzata per l’esecuzione di lavori marinareschi come il distendere un’ancora. Oggi il nome è rimasto con lo stesso significato sulle navi mercantili mentre sulle navi da guerra tale imbarcazione si chiama barca a vela.

BARCELA (pavese)

No foto

Barchetta.

BARCELLA (term. sec. XIII)

No foto

Barca piccolissima (Tommaseo e Bellini).

BARCHETTO

No foto

Piccola barca per trasporti.

BARCHETU (ancon.)

No foto

Grossa barca a vela, con due alberi e il fiocco, con la quale si può pescare in alto mare (Spotti).

BARCHINO

No foto

Barchetto usato per la caccia nei paludi.

BARCIA (Term. ant.)

No foto

Nave da carico di 600 botti anconitane (Guglielmotti).

BARCIOTTO (Term. ant.)

No foto

Bastimento a vele quadre e armato, presso i Maltesi, per il corso (Guglielmotti).

BARCO

Nome generico dei bastimenti velieri, esclusi quei minori che generalmente sono attrezzati con un solo albero.


Incisione di Y. le Gouaz su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

BARCO BESTIA (genov.)

No foto

Nave goletta (Frisoni, 1910; Laugieri, 1880).

BARCON (milan.)

No foto

Grandi barche senza coperta, con timone speciale (pala) invece di guarnàc (timone comune), che dai laghi vengono per i canali in città, carichi di combustibili, materiali da fabbrica, ecc. Sui laghi esse son dette Borcei o Brucei.

BARCONE

No foto

Barca molto ampia e di poca pescagione per alleggio e per gettare ponti.

BARCOSO (Term. sec. XIV)

No foto

Sorta di bastimento da guerra e da traffico (Villani).

BARCOTTA (Term. sec. XIV)

No foto

Barca di grandezza mezzana (Alberti).

BARGANTIN (ferrar.)

No foto

BARGE (ingl.)

No foto

Lancia da parata per le autorità della Marina.

BARGIA (term. ant.)

No foto

Specie di bastimento da guerra e da carico.

BARGIO (term. ant.)

No foto

Nella Marina militare veliera si dava questo nome ad un’imbarcazione più leggera di quella che si chiama barcaccia ma che era attrezzata per compiere gli stessi lavori marinareschi. Quest’imbarcazione faceva le veci della barcaccia sulle navi sottili, ma talvolta anche le navi di linea portavano un bargio oltre la barcaccia.

BASTARDA (term. ant.)

No foto
- Grossa Galea di forma rotonda, con ampia poppa.
- Nelle tonnare, il lungo barcone provvisto di argano per la manovra delle reti durante la mattanza.

BASTARDELLA (term. sec. XVII)

No foto

Galea minore della bastarda e maggiore della sottile.

BASTIMENTO

No foto

Nome generico di tutti i galleggianti grandi e piccoli, esclusi quelli che comunemente si chiamano barche, pontati, destinati alla navigazione mediante le vele o sistemi meccanici di propulsione.

BATTANA

- Piccolo battello a fondo piatto, che si fa muovere con un sol remo, le cui estremità hanno ambedue la forma di pala. In uso nelle lagune di Venezia e di Comacchio, per una sola persona seduta.
- Remo alla battana: v. remi.

Battana ormeggiata nel porto canale di Cesenatico

BATTELLINA

No foto
- A Venezia, imbarcazione lunga circa 20 piedi e larga 4, affine alla gondola. Descritta da Jal.
- Sulle coste istriane e dalmate, barca da pesca non pontata, lunga da 4,40 a 5,40 metri, con prora slanciata e arrotondata, simile a quella del bragozzo.

BATTELLO

No foto
- Nome generico dei galleggianti più piccoli delle lance, mossi dai remi o da una vela o da un piccolo motore, usati dalle navi per il trasporto di persone, e nei porti dai barcaioli e pescatori pel traffico di passeggeri, e per la pesca ravvicinata.
- Da taluni questo nome è impropriamente usato, al modo dei Francesi (bateau), per designare qualunque galleggiante, anche grandissimo.
- A Venezia: imbarcazione più forte della gondola, più larga di poppa e di prua, con un ornamento di ferro alla poppa e uno alla prua.
- Battello da pesca dell’Adriatico settentrionale, lungo 7-8 metri, con due boccaporti, uno al mezzo e uno a poppavia dell’albero di maestra.

BATTELLONA

No foto

A Venezia, imbarcazione del tutto somigliante alla Battellina, ma lunga circa 34 piedi e larga 6 ½.

BATTELOE

No foto

Bastimento indiano a vele latine.

BATTO (term. sec. XIV)

No foto

Sorta di barca da remi (Villani, Tommaseo e Bellini).

BAYON

No foto

Sorta di bastimento turco.

BAZARAB

No foto

Grande battello da diporto del Gange, a vela e a remi.

BECCACCIA

Barca spagnola, priva di ponte, con la prua slanciata, e un albero con una vela quadrangolare.


Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

BERLINGHER (venez. ant.)

No foto

Bastimento, per quanto sembra, da traffico, a vele e della portata di 250 botti.

BERMUDA

No foto

Bastimento a tre alberi costruito a Bermuda al tempo della guerra del 1814.

BERTONE (term. sec. XVI-XVII)

No foto

Bastimento tondo, con tre alberi di vela quadra, e alloggiamenti altissimi a scaglioni rientranti, reggente al mare da 500 a 10000 tonnelllate, usato dagli Inglesi e dai Bretoni.

BETTA

No foto

Piccola nave della Marina militare, al comando d’un sottufficiale, addetta al trasporto di materiali, viveri, munizioni.

BETTOA DO PONTON (genov.)

No foto

Barca per il trasporto di materiali scavati dal fondo del mare.

BETTOLINA

No foto

Galleggiante ampio e profondo da rimorchiarsi, per il trasporto di materiali, viveri, munizioni, nelle rade, nei porti e arsenali. Le bettoline per il trasporto delle munizioni sono sempre pontate.

BIGOLLINO

No foto

Piccolo bastimento da cabotaggio. Anche frequente sul Tevere con marmi carraresi.

BILANDER

Veliero olandese a due alberi. In italiano, Belandra.


Incisione di Y. le Gouaz su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

BILLALO

No foto

Bastimento per traghettare da Manilla alle altre isole Filippine, con una larga costruzione e due alberi a vela latina.

BIREME

Nave da guerra greca e romana. Vedi anche Triremi.


Una galleria di navi romane alla pagina apposita di www.romaeterna.org


Bassorilievo con bireme romana di epoca repubblicana. Musei vaticani

BISCAGLINA (sec. XVII)

No foto

Sorta di bastimento a vele quadre della Biscaglia.

BISSONA

Barca veneziana di parata, lunga 36 piedi veneti (=m. 12,50), e sottile, a otto remi, con un casotto, con pareti a giorno sulla prora, velocissima, addobbata sfarzosamente per le regate o altre comparse. Anche "biscione".


Bissona da Dizionario di marina, Reale Accademia d'Italia, Roma 1937

BOATILA

No foto

Nave a vela di Ceylon, dal fondo piatto e con la prua acuta.

BOEIER

Grande barca olandese coperta, a madieri piatti.


Incisione di Petit su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

BOIERA

No foto

Barca fiamminga, a due alberi, con due ali di deriva, che la rendono atta ad andare bene alla bolina senza derivare molto. Bastimento da carico, con bompresso e accastellato a poppa e a prua. Somiglia molto alle somache.

BOMBARDA

Piccolo bastimento da guerra del periodo velico, molto robusto, con due alberi. Quelli di maestra quasi al centro, quello di mezzana verso l’estrema poppa. Al posto dell’albero di trinchetto aveva una piattaforma di rovere, su cui era collocato un mortaio da bombe.
Oggi è un piccolo veliero da carico, con portata tra le 80 e le 150 tonnellate, usato nel Mediterraneo orientale. L'albero prodiero, attrezzato con polaccone, è ubicato a metà nave e porta vele quadre. Il secondo albero è spostato verso poppa e porta vele auriche, mentre il bompresso è attrezzato con vele di straglio.


Figure, dall'alto:
- Acquerello di anonimo, ex voto (particolare) a ricordo di un evento miracoloso (1832) nei mari della Sicilia, conservato presso il Santuario di N. S. del Boschetto.
- Bombarde francesi. Disegno e incisione di J.-J. Baugean. Da Borzone, 1987.

BOO

No foto

Sorta di bastimento della Sardegna.

BORDING

No foto

Battello costiero del Mar Baltico per il servizio merci da terra a bordo di grosse navi.

BOUCHE

Bastimento di cui si servono gli Olandesi per la pesca delle aringhe.


Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

BOUGALET

Piccolo bastimento usato sulle coste della Bretagna.


Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

BOVO

No foto

Piccolo bastimento da carico a due alberi verticali: quello di maestra a calcese con vela latina, quello di mezzana piccolo e molto a poppa, con randa, o vela latina; con albero di bompresso, fornito di vari fiocchi. Oggi in disuso.

BRAGAGNA

No foto

Come scrive M. Marzari, "era considerata la regina della pesca in laguna per l'importanza e la diffusione avute tra il XVIII e il XIX secolo e per il suo vistoso aspetto, che la evidenziava rispetto a tutte le altre barche lagunari. ..." E' molto difficile reperire dati statistici relativi a quest'imbarcazione, in quanto le bragagne, facendo parte del naviglio minore, rientravano nelle generiche voci "battelli" o "barche da pesca"; inoltre era scarsa la regolarità dei "bragagnanti" nell'iscriversi, anche se obbligatorio, alle "scole" dei pescatori, per non pagare la relativa tassa.
Le scarse doti marinare e il limitato impiego della "bragagna" sono stati le cause principali della sua totale scomparsa, indipendentemente dal tramonto della vela per l'avvento del motore. Infatti "andare a bragagna" all'inizio del Novecento non dava sufficienti introiti per vivere, data la brevità del periodo di questo tipo di pesca. Per cui i pescatori si indirizzarono verso un'imbarcazione diversa, che fosse in grado di affrontare meglio il mare per potersi dedicare, con uno stesso natante, negli altri periodi dell'anno, ad altri tipi di pesca; la "bragagna" fu così sostituita dai "bragozzetti".

BRAGOZZO

No foto

Barca adriatica da pesca, pontata, di forme rotonde, falcata nei bordi, con prua alta e rigonfia; due alberi con vele al terzo e asta di fiocco con uno o due fiocchi. Molto pittoresca per le sue decorazioni a colori e le vele rossastre.


Diversi Bragozzi possono ancora essere ammirati presso il Museo della Marineria a Cesenatico

BRAZZERA

No foto

Veneziana. Barca a vela con due alberi, che va anche a remi, con sei rematori e un timoniere, molto usata nella navigazione più che costiera del golfo di Venezia.

BRICCO (napol.)

No foto

Brigantino napoletano.

BRIGANTINO

- Nei secoli XIV-XVI, piccolo bastimento sottile da scorta, a vele latine e a remi, con 12 o 14 banchi.
- Veliero con due alberi a vele quadre (trinchetto e maestra) e il bompresso. Di solito porta una randa all’albero di maestra.
- Nel periodo velico, piccolo bastimento da guerra, attrezzato nel modo suindicato, con 12-20 cannoni sul ponte di coperta.
Brigantino a palo: veliero con tre alberi verticali, quelli di trinchetto e maestra a vele quadre, l’albero di mezzana a vele auriche, e con bompresso.
Brigantino-goletta: veliero con due alberi verticali; quello di propra (trinchetto) a vele quadre, quello di poppa (maestra) a vele auriche, e con bompresso.

Figure, dall'alto:
- Da Glossaire nautique par A. Jal, Paris, 1848.
- Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.
- Brigantino da carico francese. Disegno e incisione di J.-J. Baugean. Da Borzone, 1987

BRUCC (comasco)

No foto

Barchetta di fondo piatto, quadra in prora e in poppa, usata per brevi viaggi sul Lago di Como.

BRULOTTO (term. ant)

Bastimento fabbricato a disegno per essere caricato di fuochi lavorati, e condotto a portare l’incendio, in tempo misurato, tra le navi o nei porti del nemico.


Xilografia di "D.S.", pubblicata in Dictionnaire de marine par N. Aubin, Amsterdam, 1702.

BUANGA (malese ant.)

No foto

Piroga con tre ordini di remi sovrapposti.

BUC (corso)

No foto

Sorta di bastimento latino usato una volta.

BUCCA (term. ant.)

No foto

Sorta di bastimento a vela o a remo del tempo di Riccardo I d’Inghilterra (sec. XII).

BUCCIONAVE, BUZZONAVE (term. ant.)

No foto

Sorta di naviglio del sec. XIII).

BUCINTORO

Nave, prima mossa a rimorchio, poi a remi, sfarzosamente maestosa, usata a Venezia ogni anno, all'Ascensione, per lo sposalizio del mare, dal Doge e dalla serenissima signoria. La cerimonia risale al 1311 ed era intesa a commemorare la vittoria dei Veneziani sui pirati dalmati nell'anno 1000. L'origine è da ricercare nell'augurio che il papa Alessandro III, riconoscente per l'ospitalità ricevuta, rivolse al Doge: "Che il mare ti sia sottomesso come la sposa allo sposo". Il nome della nave probabilmente deriva dal fatto che il doge buttava in mare l'anello attraverso un apposito condotto dorato - il "bucio d'oro". Alcuni fanno invece derivare il nome dalla buccina, antico strumento a fiato per uso militare, con riferimento ai festeggiamenti in occasione di parate navali. Altri dal Bue centauro, trireme troiana citata da Virgilio. Altri ancora, da Duecentorum, perché ospitava una moltitudine di rematori. Come scrive Franco Gay, "L'ultimo Bucintoro, quello più famoso, fu costruito nel 1729 su disegno di Stefano Conti, con sculture e ornamenti di Antonio Corradini e con due statue attribuite finora ad Alessandro Vittoria, ma forse opera di Agostino e Marcantonio Vianini di Bassano, provenienti dalla precedente costruzione del 1605. Lo scafo era quello di una galeazza, lungo metri 37,70 e largo metri 7,50; costò 70.000 ducati. La nave era mossa da ventuno remi per lato, con quattro vogatori ciascuno" ... Un cronista dell'epoca lo descrive come " una galera a due ponti: i vogatori rimangono nel ponte inferiore, i dignitari siedono in coperta al di sopra della quale è innalzata una volta in legno riccamente scolpita e dorata nell'interno, sorretta all'ingiro da un gran numero di statue. Un'altra fila di statue forma al centro una galleria dorata e pavimentata con sedili per i Senatori. L'estremità della poppa è formata a semicerchio ed ha il pavimento elevato di un palmo. E' lì che il Doge, circondato dai dignitari, si colloca su un tronetto e va a sposare il mare". Nel 1824, anno in cui fu demolito ciò che rimaneva dello scafo dell'ultimo bucintoro, l'ammiraglio austriaco Amilcare Paolucci delle Roncole fece eseguire, sulla base dei documenti esistenti e sulle forme dello scafo in demolizione, un modello che ora è esposto nel Museo Storico Navale di Venezia. La sontuosa nave ci appare tutta dorata all'esterno e all'interno, là dove non è rivestita di velluti e damaschi color cremisi. La sala ha, all'intorno, 90 seggi e 48 finestre protette da cristalli, con tendine di seta. A poppa il "gabinetto" del Doge ha un trono, rialzato e decorato con le statue della Prudenza e della Forza, dietro il quale si apre un finestrino dal quale il Doge gettava in mare un anello simile a quello che portava al dito. ... La prua, ornata da un incredibile trofeo di statue simboliche, di volute, di ghirigori, aveva al sommo la statua di Venezia sotto forma di Giustizia, mentre davanti si protendevano due speroni, sul maggiore dei quali era il Leone di San Marco, accompagnato da altre allegoriche fantasie. Un alto pennone sormontava la nave e su di esso veniva issato lo stendardo ducale a sei code. Nelle sue uscite di rappresentanza il bucintoro lasciava la sua casa in Arsenale con una scorta eccezionale. Vicino gli stavano i tre peatoni ducali ... Lo seguivano le gondole straordinariamente fastose del Nunzio Apostolico, degli Ambasciatori, del Patriarca, sei galere in parata, altre dodici navi imbandierate "dipinte e fornite di militari stromenti", le peate che portavano i rappresentanti delle comunità del Dogado, centinaia di altre barche private adorne di festoni e di fiori e infine qualche migliaio di gondole (nella sola Venezia se ne contavano 15.000). Anche il bucintoro e i peatoni ducali non sfuggirono all'insensata furia che nel 1797 assalì i Francesi nell'intento di distruggere ogni traccia del vecchio regime; il bastimento, orgoglioso simbolo della Repubblica, ... fu demolito e ridotto a un pontone che servì poi come batteria galleggiante. ... Gli ornamenti del bucintoro e delle altre barche, tranne pochi elementi che furono fortunosamente salvati, furono bruciati per recuperare il poco oro delle dorature. Un po' di ceneri furono spedite in omaggio a Bonaparte, nel suo quartier generale, a Montebello.


Il modello del "Bucintoro" qui riprodotto è conservato presso il Museo Navale di Venezia.
Questo modello ha il tetto rialzato per mostrare i seggi per i senatori, gli ambasciatori e i musicanti che accompagnavano il Doge, che sedeva sul trono nella cabina di poppa.
(Da Flavio Serafini, Musei navali nel mondo,Torino, Paravia; Cavallermaggiore, Gribaudo, 1997)

BUCIO (term. ant.)

No foto

Sorta di bastimento. Il Bucius è nominato in particolare nel secolo XIII e nel 1436. A Venezia i buzi erano navi da guerra e da commercio, a due alberi, alcune della portata di 300, altre di 600 migliaia. Il nome vive nello spagn. "buzo", sorta di barca.

BUNGO

No foto

Piroga dell’America meridionale ricavata dall’albero "Bonga".

BURCC (emil.)

No foto

Barca vivaio.

BURCHIELLO

No foto

Barca grossa, pesante, lenta, per trasporto di passeggeri e merci sui fiumi.

BURCHIO

No foto

Barca forte, a fondo piatto, con remo, colla vela, o ad alzaia, fornita di una copertura di tavola, usata per passeggeri e per merci, sui fiumi e sui laghi.

BURELOTO (venez.)

No foto

Battello traforato, reso simile al "buregozzo".

BUSS (term. ant.)

No foto

Antica nave da pesca.