Sulla cresta dell'onda

Abbiamo creduto di far cosa gradita agli appassionati, raccogliendo i nomi delle imbarcazioni mercantili usate nel Mondo. I testi sono prevalentemente tratti dal Dizionario di Marina medievale e Moderno della Reale Accademia d'Italia (Roma 1937), mentre le immagini provengono dai testi indicati in Bibliografia. La data di pubblicazione delle opere consultate giustifica il linguaggio a volte desueto.


Vuoi imparare a costruire o restaurare barche antiche? Visita www.storiedibarche.it


Suggerimenti, aggiunte, correzioni e immagini saranno gradite: contiamo sulla vostra collaborazione per arricchire la rubrica.

DAHABIAH

No foto

Gran battello a vela usato per i viaggiatori sul Nilo.

DAK

No foto

Imbarcazione sottile in uso sulla foce del Gange.

DANDY

No foto

Cutter che a poppa porta un piccolo albero con una randa.

DESTROYER

No foto

E' un cacciatorpediniere.

DINGEY

Piccolo battello dalle estremità acute, adoperato nei fiumi dell'India.


Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

DINGHY

No foto

In origine era il battello che le piccole navi inglesi da diporto o da traffico usavano per le comunicazioni con la terra. Oggi è termine della Marina da diporto e indica il battello più piccolo, di forme rotonde, a remi o a motore o a vela. Il Dinghy a vela è attrezzato con un albero a vela aurica.

DODESONA

No foto

Barca veneziana somigliante alla Bissona, usata nelle regate, con dodici (in venez. dodese) rematori

DOGRE

Bastimento con due alberi a vele quadre (maestra e mezzana e il bompresso, che di solito andava dall'Olanda al Dogre-blanc (Dogger Bank) nel Mare del Nord, alla pesca dei merluzzi. Poi fece il cabotaggio e il lungo corso. In olandese Dogger.


Incisione di Petit su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

DORIS (franc.)

No foto

Battello piatto leggero dei pescatori di merluzzo di Terranova.

DRAKKAR

Nave scandinava a forma di drago, con un albero, una vela quadra, più remi e due castelli.


Modello di Luciano Bragonzi (MI), esposto alla 2a mostra di modellismo navale dell'Associazione Magellano, Bardolino sul Garda, settembre 2006.

DROMONE

Tipica nave medievale da guerra, usata dai Bizantini e derivata dalla liburna romana, di cui conserva le caratteristiche salienti, ad eccezione del rostro e delle murate più basse sulla linea di galleggiamento: dimensioni relativamente contenute (circa quaranta metri di lunghezza per sette) velocità e facilità di manovra, due ordini di remi. I remi, presumibilmente in due file sovrapposte, erano circa 25 per fila, azionati ciascuno da un vogatore, e si calcola che sviluppassero una velocità di circa cinque-sei nodi.

Come tutte la navi da guerra, portava anche una vela, che tuttavia era impiegata solo in operazioni pacifiche di trasferimento, in favore di vento. In un primo tempo la vela ebbe la consueta forma rettangolare che si trova raffigurata sui bassorilievi romani; poi fu adottata la vela che assunse il nome di "latina".

A poppa aveva un timone rudimentale, costituito da due larghe pale di remo disposte obliquamente e agganciate ad apposite sporgenze per mezzo di cordami o cavicchi, manovrate da uno o più uomini con l'ausilio di funi e tiranti.

Poteva imbarcare almeno una cinquantina di soldati, ai quali potevano unirsi - in caso di necessità - i rematori dell'ordine superiore, equipaggiati con corazza, elmo e spada.

(Da Marc'Antonio Bragadin, Le navi, loro strutture e attrezzature nell'Alto Medioevo, in Rivista Marittima, 1877)

DRUMLER

No foto

Navicella pirata del sec. XVII.

DUNGIYAH (arabo)

No foto

Bastimento cabotiero che naviga dall'Arabia al Golfo Persico e alla costa del Malabàr (India).