Sulla cresta dell'onda

Abbiamo creduto di far cosa gradita agli appassionati, raccogliendo i nomi delle imbarcazioni mercantili usate nel Mondo. I testi sono prevalentemente tratti dal Dizionario di Marina medievale e Moderno della Reale Accademia d'Italia (Roma 1937), mentre le immagini provengono dai testi indicati in Bibliografia. La data di pubblicazione delle opere consultate giustifica il linguaggio a volte desueto.


Vuoi imparare a costruire o restaurare barche antiche? Visita www.storiedibarche.it


Suggerimenti, aggiunte, correzioni e immagini saranno gradite: contiamo sulla vostra collaborazione per arricchire la rubrica.

MAASC

No foto

Grossa barca per traffico sul Nilo.

MADEL-ARUWA

No foto

Imbarcazione di fiume, usata nell'isola di Ceylon, costruita in due metà unite tra loro.

MAHERA

No foto

Imbarcazione malese, fatta di un tronco d'albero.

MAJER

No foto

Peschereccio inventato in Germania, che consente grande velocità e autonomia, con alto rendimento economico. La sua prora ha una superficie fortemente inclinata, che gli permette di affrontare agevolmente le onde.

MANCHE (ingl.) o MANCHUA (portogh.)

No foto

Naviglio piatto onerario, lungo da 23 a 35 piedi, largo da 6 a 7, e da 4 a 5 di puntale. E' simile ai Masula di Madràs e ai Mancé di Calcutta.

MAONA (sec. XVI, XVII)

No foto

Tipo di nave turca, somigliante alla galeazza, dal turco ma'una (galea) che deriva dall'arabo ma'un (vaso). Successivamente, grosso barcone di legno o di ferro o di cemento armato, mosso da rimorchiatori o da galleggianti a remi, adoperato nei porti per lo scarico e il carico, fornito talvolta di due lunghi remi.

MARGAROTA (venez. antico)

No foto

Barca a sei remi, più corta di quattro piedi della Bissona, ma della stessa forma, snella e adornata con eleganza, che si usava nella regata.

MASULITO

No foto

Rozza imbarcazione indiana, il cui fasciame è fatto di strisce di legno, imbonato d'alga e poi impegolato.

MAZOLET

No foto

Barca indiana.

MEIA-LUA

No foto

Antica barca con prua e poppa molto arcuate, delle Isole della Sonda.

MENAICA

No foto

Imbarcazione a vela o a remi, usata nel Meridione d'Italia, con vela latina sostenuta da un albero inclinato verso la prua.

MISTICO

Così la definisce il Guglielmotti (1889): "Specie di navicella, la cui struttura e attrezzatura partecipa di più forme diverse. Sono bastimenti piccoli, da quaranta a sessanta tonnellate, portano vele latine, quadre e auriche, hanno poppa acuta o tonda, e più altre bizzarrie, come più talenta al ghiribizzo dei costruttori e dei padroni. Nome competente a tutti i navigli di forme stravaganti e bastarde".


Incisione da "Collection de toutes les espèces de bâtimens de guerre et de bâtimens marchands qui naviguent sur l'Océan et dans la Méditerannée", Paris, 1802, di Jean-Jerôme Baugean.

MONOSOLI

No foto

Termine antico, di origine greca, per designare piccole barche fatte di un tronco scavato (dal greco Monoxulos).

MOTTAIOLO

No foto

Barca usata nel Pavese per il trasporto di merci, della portata di circa 150 quintali, usata più di tutto dai cavatori di ghiaia, fornita di timone laterale e del casotto per abitazione. Contro corrente è tirata con l'alzaia.

MULETE

No foto

Piccola imbarcazione per la pesca fuori della barra di Lisbona. Nelle coste di Valenza, imbarcazione da pesca di piccolo tonnellaggio, molto lunga in relazione alla larghezza, con vela latina e fiocco.

MUSCANEI (term. antico)

No foto

Navi a quattro vele, che esercitavano il commercio con il Levante.

MUSCIARA (sicil.)

No foto

Nelle tonnare, barca nella quale prende posto il Rais durante la manovra delle reti.