Sulla cresta dell'onda

Abbiamo creduto di far cosa gradita agli appassionati, raccogliendo i nomi delle imbarcazioni mercantili usate nel Mondo. I testi sono prevalentemente tratti dal Dizionario di Marina medievale e Moderno della Reale Accademia d'Italia (Roma 1937), mentre le immagini provengono dai testi indicati in Bibliografia. La data di pubblicazione delle opere consultate giustifica il linguaggio a volte desueto.


Vuoi imparare a costruire o restaurare barche antiche? Visita www.storiedibarche.it


Suggerimenti, aggiunte, correzioni e immagini saranno gradite: contiamo sulla vostra collaborazione per arricchire la rubrica.

PACKET-BOAT (ingl.)

No foto

Bastimento postale.

PADDY-BOAT (ingl.)

No foto

Imbarcazione di Ceylon, per il trasporto del riso e di altre derrate.

PADUHAN

No foto

Bastimento malese, a 2 o 3 alberi, con vele ora quadre, ora latine, e un fiocco lungo 16-25 metri, della portata di 50-100 ton., fornito di 2 cannoncini da caccia e di 2 di riserva, per protezione contro i pirati, usato nelle Isole della Sonda.

PALISCHERMO

No foto

Nome generico delle imbarcazioni a remi, a vela e a motore meccanico. La parola è usata nei regolamenti e in pubblicazioni a carattere nautico, ma poco nella lingua parlata, preferendosi il termine imbarcazione.

PAMGAJANA (sec. XVI)

No foto

Tipo di nave usata in India.

PARANZA

Barca con un albero a calcese e con lunga antenna, a vela al terzo, della capacità di circa 20-50 ton., adoperata talvolta per il piccolo cabotaggio, ma soprattutto per la pesca con la rete a strascico sulle coste adriatiche.Paranza ormeggiata nel porto canale di Cesenatico

PARANZELLE

No foto

Barca più piccola di metà o anche di due terzi della paranza, costruita allo stesso modo ma più veloce, molto comune nel Napoletano e in Sicilia. Le paranzelle sfidano le libecciate con tale ardimento che i pescatori le chiamavano streghe di mare. Escono da ottobre a marzo.

PARAU (portogh.)

No foto

Bastimento da guerra indiano.

PARDAI (sec. XVI)

No foto

Bastimenti in uso nel Malabàr, in India.

PARO, PARAO

No foto

In malese Prahu.

- Piccolo bastimento dei mari della Cina e d'altri paesi vicini, simile alla giunca ma più piccolo, con vele di stuoie, allacciate agli alberi per uno dei loro lati.
- Specie di barcone degli Indiani, con la poppa e la prua simili, in modo che si pianta indifferentemente il timone nell'una o nell'altra, quando si vuole cambiare bordo. Questo barcone non si allontana mai dalle spiagge.

PATALLAH (ingl.)

No foto

Bastimento indiano grande e pesante, per bestiame e altro.

PATAMAR, PATMAR

No foto

Bastimento di cabotaggio usato lungo la costa del Malabàr in India.

PAVAZOKE (russo)

No foto

Barcaccia usata in servizio di certi bastimenti del Don, del Dnieper, del Volga.

PEATA

No foto

Grossa barca a remi, da trasporto, con fondo piatto, con prua alta e rotonda in uso nella laguna veneta. Le peate sono barche più antiche delle gondole. Erano usate anche per le regate.

PEATON (venez.)

No foto

Ognuna delle 3 barcacce coperte, con finestre a mo' di burchielli, ornate di intagli e oro, adoperate sotto il governo veneto per trasportare il doge e i senatori, i quali si recavano con solennità ad assistere alle funzioni religiose, o a visitare qualche chiesa lontana.

PELOTA (spagn.)

No foto

Specie di battello usato a Buenos Aires, coperto di una pelle di bue. Dentro sta il passeggero, e il conduttore lo rimorchia nuotando con una cima di corda tra i denti, e così attraversa lagune, fiumi, ecc.

PENICE (liguria)

No foto

Chiatta, anche pontata, per trasporto interno di materiali di piccolo ingombro negli arsenali, porti, ecc.

PENICHE (franc.)

No foto

Canotto leggero, sottile, fornito di qualche cannoncino.

PENNANT-SHIP (ingl.)

No foto

Nave sulla quale era imbarcato un commodoro.

PENTECONTORO

No foto

Pentecontoro (dal greco = [nave] a cinquanta remi): tipo di grossa nave da guerra predominante in Grecia fino al V sec. A. C. Aveva 25 remi per lato, disposti in un solo ordine, una lunghezza di 30-35 metri e una larghezza di 3. Con l'introduzione di navi a più ordini di rematori le pentecontoro perdettero importanza.

PEOTA

Barca di bell'aspetto, conosciutissima a Venezia, di grandezza media, con una coperta, mossa da più remi e da una vela. Le peote sono usate nelle regate, con addobbi sfarzosi e simbolici, e sono spinte da 8 vogatori.


- Da Dizionario di marina, R. Accademia d'Italia, Roma 1937.

PERAME, PEREME (sec. XVII)

No foto

Sorta di barca turca a foggia di gondola, adoperata per il tragitto di Pera e di Galata.

PETACCIO (sec. XVI)

Nave affine al Bertone, adoperata in guerra, citata dal Tommaseo.


Incisione da "Collection de toutes les espèces de bâtimens de guerre et de bâtimens marchands qui naviguent sur l'Océan et dans la Méditerannée", Paris, 1802, di Jean-Jerôme Baugean.

PETER-BOAT (ingl.)

No foto

Battello da pesca del Tamigi, fornito di un pozzo al centro per conservarvi il pesce vivo.

PICARD (ingl. antico)

No foto

Grossa barca da fiume inglese.

PIELAGO (venez.)

No foto

Barca a 3 alberi, della forma del trabaccolo, di portata minore di 100 tonnnellate.

PIFFERO (term. antico)

No foto

Nave da guerra ridotta a nave da trasporto o gabarra.

PINACCIA (term. antico)

- Barca di grandi dimensioni, di solito con 3 alberi, a vele latine e a remi. Dudley la cita nel 1646.
- Anche grande barca a fondo piatto, usata in India per il trasporto dei ricchi viaggiatori sul Gange, lunga anche 26 metri, con 2 alberi, e vele di forma trapezia.

Incisione di J.-J. Baugean, 1817, da Collection de toutes les èspeces de bâtiments marchands qui naviguent sur l'Océan et dans la Méditerranée, Paris, 1802, 72 inc. (riproduzioni di Giovanni Santi-Mazzini, Ars Maritima: navi e barche dal XVI al XIX secolo, Gribaudo, Cavallermaggiore, 2000)

PINCO

Bastimento mercantile a vele latine, con carena ampia, a fondo piatto, poppa molto alta, di solito fornito di 3 alberi con antenne, della portata di 150, a volte di 200 e 300 ton., usato un tempo nel Mediterraneo. Si fa risalire all’olandese pink, ma Vitruvio scrive "Scaphae ... quas Britanni pincas vocant".


Figure, dall'alto:

- Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.
- Pinco genovese durante operazioni di carico. Disegno e incisione di J.-J. Baugean. Da Borzone, 1987

PIROGA

Barca fatta d'un tronco d'albero scavato, con coperta (ponte di tavole), e con l'aggiunta di fianchi fatti di graticci di canne calafatati. La piroga può essere fatta anche d'un pezzo di scorza rinforzato da piccole costole. La prima è in uso sulla costa settentrionale dell'Australia, in alcune regioni dell'America, dell'Asia meridionale, dell'Africa tropicale, ed era usata dalle genti neolitiche dei laghi svizzeri. Quella di scorza è in uso nell'Australia di Scirocco, nella Siberia orientale, nelle foreste siberiane.


Figure, dall'alto:
- Incisione di Y. le Gouaz su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.
- Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement  des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.
- Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement  des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.
- Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement  des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.
- Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement  des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.
- Incisione di Y. le Gouaz su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.
- Incisione di Y. le Gouaz su disegno di D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

POLACCA

Bastimento mercantile del Mediterraneo, costruito come il pinco, con due alberi a pible, e uno di mezzana con coffa e albero di gabbia, e un bompresso corto.


Incisione di N. F. J. Masquelier su disegno D. Lescallier, da Traité pratique du Gréement des vaisseaux et autres batiments de mer: ouvrage publié par ordre du ROI, pour l'instruction des Elèves de la Marine ... par D. Lescallier ... Paris, 1791.

POLIREMI

No foto

vedi Trireme

PONZESE

No foto

Battello somigliante alla feluca, in uso nelle acque sarde, per la pesca dei crostacei.

PORTANOVA

No foto

Barca usata in Calabria, a guardia della bocca della tonnara.

PRAAM (oland.)

No foto

Bastimento a fondo piatto adoperato soprattutto nei canali dei Paesi Bassi.

PRAHM (ted.)

No foto

Barca piatta, chiatta.

PRAHU

No foto

Grande nave da guerra malese, di 55 a 156 piedi di lunghezza, con 76-96 rematori, e 40-60 uomini armati, con vari cannoni.

PRAM (ingl.)

No foto

Battello a fondo piatto, armato di cannone, adoperato per proteggere uno sbarco di truppe.

PULWAR

No foto

Battello indiano per passeggeri, in uso sul Gange.