Sulla cresta dell'onda
testata

Gutenzell in Baviera

Gutenzell si trova nel distretto di Biberach, nel Land del Baden-Württemberg, al confine con la Baviera, a sud sud-ovest di Ulm.

Il suo nome deriva, probabilmente, dall'Abazia Cistercense, fondata nel XII secolo da due nobildonne della famiglia Schlossberg, che la chiamarono Cella Dei, da cui Gottes Zelle in tedesco. La prima citazione scritta risale tuttavia al 1237, dove il convento è citato come Bona Cella, cioè Gute Zelle.

Distrutto da un incendio, fu ricostruito nel 1369 e, dopo circa un secolo, la chiesa dei Santi Cosma e Damiano del monastero, rielaborata in stile barocco, divenne la parrocchiale del borgo di Gutenzell, che si era sviluppato attorno all'Abbazia.

Quest'ultima, perno della vita locale, fu soggetta a infinite traversie - incendi, saccheggi, battaglie - ma fu restaurata nella seconda metà del Settecento, mentre nella chiesa furono aggiunti stucchi e affreschi di gran pregio; acquistò inoltre notevole rilevanza, avendo avuto facoltà di esercitare il potere amministrativo e giudiziario sul villaggio di Gutenzell e altri borghi circostanti.

Con l'abolizione degli ordini religiosi in epoca napoleonica, nel 1803 le sue prerogative e i suoi possedimenti furono trasferiti al potere secolare. La soggezione alla giurisdizione civile perdurò anche dopo il ritorno delle Suore Cistercensi, alle quali fu tuttavia fatto divieto di accogliere novizie, cosicché l'insediamento andò lentamente estinguendosi, fino alla morte dell'ultima Suora nel 1851. Oggi l'edificio ospita uffici amministrativi.

abbazia di Gutenzell

Plastico all'interno della chiesa, che riproduce l'Abazia nel Settecento

abbazia di Gutenzell

L'interno barocco della splendida chiesa

abbazia di Gutenzell

La navata centrale verso l'ingresso sovrastato dal palco dell'orchestra; a destra, il pulpito settecentesco di Stephan Luidl

abbazia di Gutenzell

Il profondo atrio con la volta ribassata del palco dell'orchestra

abbazia di Gutenzell

All'apice della volta in corrispondenza dell'Altar Maggiore (opera dello stesso Luidl), alla quale è appeso un opulento Crocefisso, si trova un elaborato orologio ornato da vari simboli araldici

abbazia di Gutenzell

L'ala oggi esistente dell'antico complesso conventuale, che ospitava la foresteria - oggi ufficio pubblico - e la chiesa adiacente

abbazia di Gutenzell

In corrispondenza dell'ingresso all'ex Abazia si trova un grande quadrante solare, molto originale nella sua collocazione a mo' di cornice attorno alla finestra del secondo piano. È orientato a mezzogiorno, con stilo polare e segna le mezzore e le ore dalle 7.00 alle 15.00

abbazia di Gutenzell

Un secondo quadrante è affrescato sulla parete laterale delle chiesa. Orientato a mezzogiorno, è munito di stilo polare e segna le ore dalle 6.00 alle 16.00. In basso compaiono l'anno 1756 e lo stemma della badessa Maria Franziska von Gall (1747-1759).

abbazia di Gutenzell

Foto e notizie di Carlo Di Ruzza

A cura di Paola Presciuttini, aprile 2010