Sulla cresta dell'onda
testata

Königssee, località St. Bartholomä in Baviera

Il Königssee è un lago di origine glaciale, il terzo in profondità della Germania. Si trova ai piedi delle cime alpine al confine con l'Austria - a poca distanza da Salisburgo - ed appartiene al Circondario della nota stazione termale di Berchtesgaden.

Il Königssee

È famoso per la purezza delle sue acque e, per legge, da oltre un secolo può essere solcato solo da natanti a propulsione elettrica. Sembra che l'uso del motore elettrico sia stato introdotto sul lago dal principe reggente Luitpold di Baviera, la cui effige è incisa su una targa in bronzo di m 3 x 1.5 a poca distanza da Salet, capolinea del battello che percorre il lago. La parete opposta è celebre per la risonante eco che rimbalza sulle rocce al suono dell'apposito corno cui dà fiato un addetto a bordo del battello.

Il massiccio che incombe sul lago è il Watzmann, la cui cima più alta - la seconda della Germania - supera il 2700 metri. Prende il nome dal mitico re Watzmann che, come leggenda vuole, fu tanto crudele da essere pietrificato con tutta la sua famiglia, rappresentata dalla seconda vetta (in origine sua moglie) e da sette cime più basse, corrispondenti ai loro figli.

Su una lingua di terra di origine alluvionale, sottostante il massiccio, si staglia la chiesa di St. Bartholomä, di origine romanica, ampliata e rimaneggiata con decorazioni barocche al volgere del XVII secolo, oggi meta di un frequentato pellegrinaggio annuale.

Il Königssee

Sullo spigolo della parete meridionale dell'adiacente ristorante è affrescato un quadrante solare con stilo polare a staffa; le linee orarie, dalle 09.00 alle 17.00, sono rappresentate come fasci di luce che si dipartono da una corona di otto stelle. Al centro della composizione un inserto con il motto Tempus fugit, "Fugge il tempo".

meridiana di St. Bartholomä
meridiana di St. Bartholomä

Foto e notizie di Carlo Di Ruzza

A cura di Paola Presciuttini, marzo 2010