Sulla cresta dell'onda
testata

Pavia-Certosa

La prima pietra della Certosa di Pavia - a circa 5 km dalla città - fu posata nel 1396 dal duca di Milano Gian Galeazzo Visconti.
Egli aveva infatti destinato la rendita di vasti possedimenti alla costruzione di un monumentale convento da donare all'Ordine dei Certosini di Siena, in ossequio al voto espresso dalla propria moglie morente.

Alla morte del Visconti, nel 1402, i lavori subirono rallentamenti per l'ostilità di chi acclamava diritti sulle terre donate dal Duca; la chiesa fu quindi iniziata solo nel 1450, quando Francesco Sforza, succeduto ai Visconti, garantiva ai Padri Certosini le precedenti donazioni; fu quindi assegnato alla Certosa Giovanni Solari - appena nominato responsabile della fabbrica del Duomo di Milano.

La direzione dei lavori della chiesa passò ai successori del Solari e la consacrazione fu celebrata nel 1497, a lavori ancora in corso d'opera. Nel corso del secolo successivo fu ampliato in convento e fu completata la chiesa, mentre la Certosa si arricchiva di capolavori in ogni settore delle arti.

Successivamente trasferita prima ai Cistercensi e poi ai Carmelitani, con la dominazione napoleonica e la soppressione degli ordini contemplativi, la Certosa subì la spoliazione di molte opere d'arte.

I Certosini rientrarono in possesso del comprensorio nel 1843 ma dovettero abbandonarlo nuovamente nel 1881 per decreto del Governo Italiano che ne acquisì la proprietà, affidandone la gestione al Ministero della Pubblica Istruzione.

Per effetto dei Patti Lateranensi la Certosa fu nuovamente assegnata ai Certosini ai quali nel 1949 subentrarono i Carmelitani, che dovettero abbandonarla nel 1961, allo scadere della concessione d'uso, finché nel 1968 fu infine consegnata ai Cistercensi.

(Notizie tratte da www.comune.pv.it/certosadipavia/home.htm, al quale si rimanda per la completa descrizione storico-artistica della Certosa.)

Nel cortile interno della Certosa, sulla facciata dell'ala di sinistra, è affisso un orologio solare munito di ortostilo e declinante a levante, di epoca imprecisata, ma probabilmente ottocentesca.

meridiana di Pavia
meridiana di Pavia

A cura di Paola Presciuttini, maggio 2007