Sulla cresta dell'onda
testata

Meridiane nella Certosa di Pesio

La Certosa di Pesio (CN) sorse a seguito di una donazione all'Ordine Certosino da parte dei Signori di Morozzo, nel 1173, di una vastissima proprietà, affinché vi si costruisse una chiesa con chiostro in onore della Vergine e di San Giovanni Battista.

Dalla ricostruzione della storia della Certosa, a cura dei Missionari della Consolata, apprendiamo che essa fu oggetto di progressivi arricchimenti che raggiunsero l'apogeo in splendore tra i secoli XVII e XVIII, per mano di artisti di grande fama. Specialmente la chiesa superiore, consacrata nel 1599, fu resa un vero gioiello di opere lignee, stucchi, pitture e preziosità, che la resero grandiosa tra le consimili del Piemonte.

Ma degna di nota fu anche la sua importanza nel contesto civile, per l'impegno dei monaci nella salvaguardia del patrimonio forestale e nell'incremento delle attività agricole e zootecniche, che favorirono lo sviluppo di fattorie e attività casearie, l'introduzione di nuove colture e specie arboree, e la bonifica delle circostanti pianure paludose.

L'opera spirituale e sociale dei Certosini venne a conclusione nel 1802, in seguito all'abolizione degli Ordini religiosi da parte del Governo francese. I beni della Certosa furono alienati, in parte saccheggiati, in parte venduti e dispersi tra varie località.

Nel 1840 l'edificio fu acquistato da privati e trasformato in stabilimento idroterapico, che rapidamente asssurse a grande fama, come attestano i soggiorni di Cavour, D'Azeglio e altre personalità. Tuttavia, nel corso di alcuni decenni centri analoghi si affermano in altre località italiane e la Certosa fu nuovamente abbandonata.

Finalmente nel 1934 fu assegnata ai Missionari della Consolata che ne assicurano la rinascita e la ripresa delle sue variegate attività.

Sulla facciata del porticato sovrastante l'ingresso si trova un quadrante solare declinante a ponente, a ore francesi e linee orarie dalle 9.00 alle 16.00

meridiana di Pesio

Un secondo quadrante, collocato nel chiostro, è declinante a levante, a ore italiche e francesi, con linee orarie dalle 9.00 alle 14.00. Il motto sul nastro in basso: Se scarse sono dimostrate le ore incolpa il sito non il sole.

meridiana di Pesio

Foto P. Antonioli, luglio 2009

A cura di Paola Presciuttini