Sulla cresta dell'onda
testata

Meridiana a Trento, loc.Villazzano

A Trento, loc. Villazzano, sulla facciata di Villa Croce - attualmente sede dell'ISAFA, Istituto Sperimentale per l'Assestamento Forestale e per l'Apicoltura (che a gennaio 2008 assumerà la denominazione di "U2 - Unità di Ricerca per il Monitoraggio e la Pianificazione Forestale") - si trova un orologio solare moderno, declinante a ponente di 23°.

In effetti il quadrante odierno sostituisce uno più antico andato completamente perduto, di cui l'unica traccia superstite era il foro dello gnomone, dalla posizione del quale si desumeva come il quadrante originale fosse collocato più in basso rispetto a quello attuale.

Alla fine dell'Ottocento era stato compilato un inventario delle meridiane tirolesi che comprendeva una copia su carta del quadrante originale, conservata al Museo Ferdinandeo di Innsbruck. Se ne conoscono quindi i colori nonché il motto: Dum Tempus Habemus / Operemur Bonum / AD. eph.c.VI.8, ovvero "finchè vivremo opereremo nel bene - estratto dalla lettera agli Efesini, capitolo 6, versetto 8".

In epoca imprecisata la meridiana antica era stata rifatta sulla scorta di quel disegno; successivamente la facciata era stata scialbata interamente con una tempera giallo ocra, cosicché anche del secondo orologio solare erano appena visibili alcune linee e le incisioni sull'intonaco.

Queste scarse tracce hanno permesso alla restauratrice Simona Aglitti - che ha operato quale socia della Coop. Archeologia srl di Firenze, sotto il controllo della Soprintendenza dei Beni Architettonici - di ripristinare il manufatto con un intervento non facile di riposizionamento dello gnomone e di ripresa del colore, cosicché ora le linee orarie più scure appartengono all'impianto primitivo; quelle più chiare, ricostruite con la tecnica del sottotono, consentono di distinguere le linee restaurate da quelle originali.

meridiana di Trento-Villazzano La meridiana in fase di restauro
meridiana di Trento-Villazzano Il risultato a restauro completato

Foto Simona Aglitti, 30 ottobre 2007