Sulla cresta dell'onda
testata

CRAVEGGIA (VB)

nella

"Val Vigezzo, la valle del tempo dipinto"

panorama di Craveggia

Il nome di Craveggia deriva da "capra", a perpetuare l'antica vocazione agricola del paese che peraltro è ricco di testimonianze artistiche: nella piazza monumentale si trovano tre importanti edifici religiosi, ossia l'Oratorio di Santa Maria, il Battistero e la chiesa dei Santi Cristoforo e Giacomo, interamente affrescata dal pittore locale Giuseppe Mattia Borgnis (Craveggia 1701 - West Wycombe (Londra) 1761).

Il "Tesoro" della chiesa comprende paramenti e oggetti liturgici e persino il manto funebre di Luigi XIV e quello nuziale di Maria Antonietta, entrati in possesso di membri della famiglia Mellerio che, dalla natia Craveggia, erano emigrati a Parigi dove erano divenuti orefici di corte.

Le facciate degli edifici sono riccamente decorate con affreschi votivi e - peculiairità esclusiva di Craveggia - i tetti sono una selva di alti svettanti comignoli.

Numerosi i quadranti solari di epoche diverse, con prevalenza di opere realizzate da G. Brindicci Bonzani.

In località La Pila, a nord del centro antico, su una casa in origine appartenuta a G. Brindicci Bonzani, due sue opere giovanili: una declinante a ponente a ore francesi con lemniscate per il calcolo del tempo civile, con segni zodiacali; la seconda declinante a sud-est, con lemniscate e segni zodiacali; entrambe sono decorate con l'immagine di un uomo canuto, rivolto secondo l'orientamento del quadrante, forse allegoria del tempo che passa.

meridiana di Craveggia
meridiana di Craveggia

Ancora in località La Pila, sul tratto di strada denominato "Passeggiata dei Vecchi", un quadrante a ore francesi, pressoché illeggibile, si trova sul prospetto meridionale di una casa tradizionale restaurata.

meridiana di Craveggia
meridiana di Craveggia
meridiana di Craveggia
meridiana di Craveggia

A sinistra: alle falde del paese, venendo da S. Maria Maggiore, quadrante a ore francesi, firmato e datato 1998, su casa di proprietà di Guido Dresti, autore della meridiana.

È a ore francesi dalle 7.00 alle 16.00, declinante a levante, con stilo polare e gnomone a piastra forata, linee diurne e lemniscate per il calcolo del tempo civile. Il motto: Tempus fugit hora volat, "il tempo fugge, l'ora vola".

A destra: orologio orizzontale bifilare ad ore vere dello stesso prolifico Autore, inciso su marmo. Il motto: Carpe diem, "afferra il giorno presente".

meridiana di Craveggia

Su Villa Garbagni, quadrante esposto a mezzogiorno, a tempo medio civile, opera di G. Brindicci Bonzani nel 1990. Il motto in latino: Sequimur fugientem, "inseguiamo il gorno che fugge".

Un secondo quadrante su altra facciata, a ore francesi, datato 1862, non è visibile dalla strada.

meridiana di Craveggia

Su Villa Deschars, quadrante ottocentesco a ore francesi, con falso stilo, poco visibile dalla pubblica via.

meridiana di Craveggia

Quadrante ottocentesco a ore francesi, poco visibile dalla strada, anche per effetto delle modifiche apportate all'edificio, che lo hanno parzialmente nascosto alla vista.

meridiana di Craveggia

Quadrante non datato sotto il porticato di Villa Borgnis, poco visibile dalla strada. È ad ore francesi, indica le mezzore e i quarti d'ora, ed è munito di ortostilo.

meridiana di Craveggia

Su villa Ciolina, in alto sulla facciata orientale, grande quadrante di Dante Castelnuovo, datato 2002, declinante a levante, con lemniscata per il calcolo del tempo medio civile, con gnomone a piastra forata

meridiana di Craveggia

Sul comignolo della stessa villa, quadrante ottocentesco a ore francesi, esposto a mezzogiorno, con ortostilo.

Nella vicina frazione di Vocogno si trovano a oggi tre quadranti:

una linea meridiana datata 1843, di cui si è perso lo stilo, sulla chiesa parrocchiale;

su Villa Romano un quadrante a tempo medio civile declinante a mezzogiorno, non visibile dalla strada, opera di G. Brindicci Bonzani, dall'originale motto in greco;

e un grande quadrante dello stesso autore su Villa Frangi, realizzato nel 1994.

Il motto: Lex mea lux, "la luce è la mia legge".

Villa Frangi a Vocogno
Villa Frangi a Vocogno

Nella frazione di Prestinone - da dove una modernissima cabinovia raggiunge la Piana di Vigezzo ad alta quota - si trovano due orologi solari; uno, non visiblle dalla pubblica via, su una abitazione, rivolto a sud-ovest, a tempo medio civile; l'altro, a tempo vero locale, datato 1866, è collocato in alto a destra sopra l'ingresso della chiesa parrocchiale ed è orientato a mezzogiorno.

meridiana di Prestinone
meridiana di Prestinone

Nella frazione di Siberia due bei quadranti di grandi dimensioni si trovano sul prospetto di ponente di una villetta moderna in prossimità della strada per Malesco.

meridiana di Siberia
meridiana di Siberia
meridiana di Siberia

A sinistra, sulla facciata, il meno recente, di G. Brindicci Bonzani, datato 1993, a tempo medio civile; il motto: Horas non numero nisi serenas.

A destra una meridiana in pendant a tempo medio civile, secondo il fuso orario dell'Europa centrale, firmata da S. Materni e figli, datata 1998. Oltre alle ore dalle 09.00 alle 16.00 indica anche il mezzogiorno vero locale, il mezzogiorno civile di Stalingrado (Volgograd), Teheran, Mosca, Il Cairo, Roma, Londra, Azzorre, Georgia, Rio de Janeiro. Compaiono anche alcune date di compleanno. Il motto: Al sol misuro i passi ... all'uom la vita.

Foto N. Trabano, P. Antonioli, aggiornamento giugno 2009

A cura di Paola Presciuttini