testata4
Angolo arrotondato Angolo arrotondato


Artisti sec. XVI - XIX


Fernando Brambilla (1763-1834)

Vedutista di fama, ma in Italia poco noto. Scrive di lui Mons. Carlo Valli, della Parrocchia di Cassano D'Adda (Mi), studioso di storia locale, che "Ferdinando Brambilla nasce a Cassano D'Adda il 12 febbraio 1763 da Carlo Francesco e Antonietta Ferrari. (Libro dei Battezzati XI, pag. 76). Lo trovo nello stato d'anime del 1779 con la famiglia, alla Cantarana [...]".

Brambilla fu chiamato a far parte della spedizione di Alessandro Malaspina il quale, dopo un viaggio di circumnavigazione a bordo della fregata "Astrea" nel 1786-88 per conto della Compagnia delle Filippine, allestì per il Governo spagnolo la spedizione scientifica intorno al mondo per la quale è passato alla storia.

Partito da Cadice nel 1789, Malaspina raggiunse l'Argentina e, doppiato il Capo Horn, visitò il Cile e il Perù per costeggiare fino all'America centrale e al Messico. Dopo aver raggiunto ed esplorato l'Oceania rientrò al Callao, e fece poi ritorno in Spagna nel 1794, dopo cinque anni di navigazione.

In ogni luogo visitato fece eseguire disegni a vista, carte, osservazioni scientifiche di ogni genere. I disegni furono in gran parte eseguiti da F. Brambilla, la cui bravura era stata portata a conoscenza di Malaspina dall'amico di questi, conte Melzi d'Eril. Chiamato quindi dall'Esploratore, Brambilla partì da Genova nell'aprile 1791 insieme con l'altro vedutista italiano destinato alla spedizione, Juan Ravenet, e, dopo una sosta in Spagna, raggiunse Malaspina ad Acapulco.

Da quel momento seguì la spedizione a bordo della Descubierta, dovunque eseguendo disegni di città, porti e paesaggi, e distinguendosi come il miglior artista della spedizione. Al ritorno in Spagna, continuò a dedicarsi al perfezionamento del materiale realizzato in navigazione, per cui nel 1799 gli fu conferito il titolo di pintor arquitecto y adornista de la Real Camara. Fino alla morte insegnò alla Accademia de San Fernando e contemporaneamente si dedicò alla realizzazione di vedute dei Real Sitios.

I disegni relativi alla spedizione Malaspina sono prevalentemente conservati presso il Museo Naval di Madrid.


Veduta di Lima
Inchiostro a penna, acquerello seppia, mm 560x300; disegno preparatorio per l'incisione, di cui la matrice in rame è custodita presso il Museo Naval.


Veduta di Acapulco
Penna e acquerello seppia, mm 660x385
(Madrid, Museo Naval)


Canale di Vernacci
Penna e china acquerellata, mm 350x317, disegno preparatorio per l'incisione.

Un'imbarcazione spagnola e una indigena si incontrano e si salutano, davanti a un grandioso paesaggio sullo sfondo di alte montagne innevate, contro cui si stagliano, in primo piano, cascate spumeggianti, rupi scoscese e imponenti conifere, mentre altre imbarcazioni indigene si avvicano.
(Museo de America)


Canale di Salamanca
Penna e china acquerellata, mm 314x537
(Museo de America)


Porto di Palapa nell'isola di Samar
Penna e acquerello, mm 478x240
(Museo Naval)


A cura di Paola Presciuttini, 3007)


Torna su

Angolo arrotondato Angolo arrotondato
Facebook Twitter Linkedin