testata4
Angolo arrotondato Angolo arrotondato


Artisti sec. XVI - XIX


Pascal Coste (Marsiglia 1787-1879)

L'Ottocento, per effetto del turismo d'élite, produsse una moltitudine di incisioni e acquerelli, intesi ad illustrare itinerari turistici e i resoconti del "grand tour" verso l'Italia e il Levante, quasi obbligatorio per i ceti europei acculturati e facoltosi.

L'architetto francese Pascal Coste (Marsiglia 1787-1879) - che, nell'arco della sua lunga e attiva esistenza, viaggiò in Italia, in Tunisia, in Egitto, in Persia e nell'Europa continentale - non era propriamente un "turista", ma del viaggiatore colto e attento manifestò la sensibilità al fascino del paesaggio e dell'arte, che espresse attraverso una ricca messe di disegni e acquerelli.

Appena trentenne, nel 1817 si recò in Egitto dove rimase quasi dieci anni presso la corte del viceré Mohammed Alì, impegnato in lavori di architettura e ingegneria che miravano alla modernizzazione del Paese.

Rientrato in Patria, si dedicò alla progettazione di opere importanti, prima di compiere un viaggio di svariati mesi nel 1832, da Nizza all'Italia settentrionale, per poi raggiungere Genova e imbarcarsi per Marsiglia.

Dal 1839 al 1842 soggiornò in Persia per conto dell'Accademia Reale di Belle Arti, con il compito di attendere al rilievo dei monumenti antichi e moderni di quel Paese. Durante il viaggio di andata fece scalo a Palermo e a Messina, che toccò nuovamente al ritorno, sostando anche a Napoli, Civitavecchia e Livorno.

In Italia tornò per un breve viaggio estivo nel 1852, visitando le principali città d'arte e di mare da Napoli a Genova, e nuovamente nel 1864, nelle regioni centro-settentrionali. A questo terzo viaggio dedicò ben 96 pagine delle sue memorie ( Mémoires d'un artiste. Notes et souvenirs de voyage (1817-1877), 2 vol., Marseille, 1878), illustrate da oltre 150 disegni di paesaggi e di splendidi scorci monumentali, che oggi sono conservati nella Biblioteca Municipale di Marsiglia.


Notizie inedite segnalate dal geografo prof. Lorenzo Bagnoli, di cui attendiamo l'imminente monografia dedicata all'Artista marsigliese.

Per saperne di più, contattare il prof. Lorenzo Bagnoli


Il porto di Genova al ritorno dall'Egitto nel 1822


Il porto di Nizza, 1832


La Lanterna di Genova, 1832


Il porto di Marsiglia nel 1842


Il tempio di Vesta a Roma, nel 1852


Il Panteon, 1852


Palazzo Pitti a Firenze, nel 1864


Palazzo Vecchio e la Loggia dei Lanzi a Firenze, nel 1864



A cura di Paola Presciuttini, 2005


Torna su

Angolo arrotondato Angolo arrotondato
Facebook Twitter Linkedin