Sulla cresta dell'onda

In questa sezione ci proponiamo di descrivere pezzi antichi ma anche strumenti d'avanguardia, connessi con le diverse attivitą in mare.

Riteniamo opportuno iniziare con la collezione dell'Istituto Idrografico della Marina che, anche in questo settore - come pure nell'ambito della cartografia - riveste un particolare significato, per la sua specifica funzione istituzionale ed esclusiva nel Paese.

L'ente cartografico di Stato conserva, infatti, migliaia di strumenti antichi e moderni, compresa la miscellanea minuta.

Tra questi, un centinaio di pezzi pregevolissimi per fattura e raritą, che attestano la sua attivitą ultracentenaria, fino ai moderni sistemi di navigazione, posizionamento e ricerca in mare. In questa sezione illustreremo pertanto i pezzi pił significativi di tale raccolta, dagli strumenti nautici a quelli oceanografici, geodetici, astronomici. Dobbiamo tuttavia precisare che molti di tali strumenti sono ora esposti - in virtł di un accordo con il Comune di Genova - presso il " Galata " Museo del Mare.

Non trascureremo cimeli conservati presso altre istituzioni pubbliche, e saremo lieti di segnalare pezzi che dovessero comparire sul mercato antiquario.

Sullo sfondo L'Astronomo, ca 1668, di Ian Vermeer, 1632-1675,
conservato presso il Museo del Louvre, Parigi

en