testata4
Angolo arrotondato Angolo arrotondato


"DIVERS FOR AFRICA"


Un medico, un soggiorno in Tanzania come volontario, il mare, un gruppo di amici subacquei: sono questi gli ingredienti che riempiono la goccia di "Divers for Africa" .

Una goccia nel mare di difficoltà in cui si dibatte il continente africano, ma ... in Africa una goccia d'acqua è sinonimo di speranza e vita.

Nell'ottobre del 2004 il dott. Manuele Grazia era in Tanzania come medico volontario e, per un periodo di 3 mesi, ha svolto la professione di chirurgo presso l'ospedale St. Francis Hospital di Ifakara in Tanzania.

L'ospedale di origine "diocesana", riconosciuto anche a livello governativo, dispone di 360 posti letto distribuiti su di un reparto chirurgico, uno di medicina generale, uno di malattie infettive, uno di pediatria, uno di ostetricia ed una "terapia intensiva".

Al suo ritorno, ripensando alle carenze tecniche dell'ospedale africano, decideva autonomamente di intraprendere la difficile opera di raccolta fondi per l'acquisto di un "broncoscopio", necessario nel risolvere patologie molto comuni in Africa, non trattate allo stato attuale e che quindi portano inevitabilmente al decesso.

Sub lui stesso, parlando della sua idea ad altri subacquei al di sopra e al di fuori delle "sigle e delle associazioni" ha trovato sempre più consensi al suo progetto fino all'aggregazione spontanea di un primo gruppo di amici.

E' così che sono nati i "Divers for Africa" che, proponendosi al grande pubblico attraverso conferenze- mostre- proiezioni-, hanno come scopo quello di finalizzare i loro sforzi all'acquisto di attrezzature mediche da consegnare direttamente e senza intermediari là dove servono.


La prima uscita pubblica dei "Divers for Africa" si terrà a Bologna nella serata di mercoledì 15 giugno 2005 (ore 21) presso il teatro dell'Antoniano di via Guinizzelli e contiamo su una massiccia presenza di spettatori per riuscire nella raccolta degli 11.000 Euro indispensabili all'acquisto di un "broncoscopio con fontana luminosa".

E' per questo che ci rivolgiamo indistintamente a tutti ma in particolare al mondo degli amici sub. Essere subacquei nel 2005 vuole dire avere la possibilità di muoversi rapidamente e a piacimento attraverso il pianeta alla ricerca dei fondali più incontaminati e ricchi di vita anche se questa rapidità di movimento, il più delle volte coincide quasi sempre con un contatto superficiale e veloce con le "terre" attraversate e ancor più le "genti" che le abitano.

Non ci si accorge mai di esser spesso in paesi minati da carestie, malattie e povertà. Sicuramente la "speranza di potere essere di aiuto" è il collante che ha unito e unisce questi amici e che ha spinto personalità di spicco del mondo subacqueo quali il famoso fotografo Pierfranco Dilinge, il biologo Attilio Rinaldi, il ricercatore Massimo Ponti e tanti altri ad aderire al progetto:


"quando il sole splende i bimbi ridono"


Adesso dobbiamo contare soprattutto sulla vostra presenza alla manifestazione del 15 giugno che, condotta dal giornalista RAI ed esperto conoscitore del "mare nostrum" Mario Cobellini, vedrà la proiezione di diaporami e filmati subacquei premiati nelle più prestigiose rassegne internazionali oltre alla presentazione del libro " l relitto della piattaforma Paguro ": esempio della incredibile biodiversità e ricchezza dell'adriatico settentrionale. Il nostro mare.

Ricordiamo infine come fra tutti i presenti alla verranno estratti bellissimi premi, offerti per l'occasione dalla ditta di attrezzature subacquee MARES.

Appuntamento quindi per il 15 giugno all'Antoniano di Bologna.


Per informazioni:


Manuele Grazia 335 6919959


Luisella Riva 339 8682756


Valerio Venturoli 339 8879163


Claudio Giulianini 329 4306794




Manuele Grazia


Cari amici, prima di spiegare la motivazione di questa mia richiesta mi permetto di presentarmi: mi chiamo Manuele Grazia, sono nato a bologna il 21/07/57; sono specialista in Chirurgia D'Urgenza e Pronto Soccorso, PhD. in Chirurgia Toraco-Cardio-Vascolare; ricercatore in Chirurgia Toracica presso l'Università di Bologna e responsabile del modulo operativo "Trattamento chirurgico dell'insufficienza respiratoria acuta", locato presso il Servizio di Chirurgia Toracica del Dipartimento di Malattie Toraco-Polmonari dell'Azienda Ospedaliera St. Orsola Malpigni.

Dall'Ottobre 2004 al Gennaio 2005 ho svolto attività chirurgica come volontario presso il St. Fracis Hospital di Ifakara in Tanzania, l'Ospedale di origine "diocesana" è riconosciuto anche a livello governativo e dispone di 360 posti letto distribuiti su un reparto chirurgico, una di medicina generale, uno di malattie infettive, uno di pediatria, uno di ostetricia ed una "terapia intensiva".

L'attività che ho svolto mi ha impegnato principalmente in una attività di Chirurgia Generale in quanto le attrezzature e le risorse umane non avevano mai permesso di svolgere chirurgia specialistica come quella toracica.

Dopo le prime settimane ho pertanto provato ad iniziare lo sviluppo di un piccolo programma di chirurgia toracica sia formativo che operativo, accolto con molto entusiasmo dagli operatori locali.

Così abbiamo cominciato a drenare i primi versamenti ed empiemi pleurici che sino a quel momento venivano "osservati", tutto questo affiancato da una costante attività didattica il cui fine era quello di automizzare il personale locale alla procedura ed alla sua gestione routinaria.

I risultai sono stati incoraggianti in quanto sono stati trattati 30 pazienti con guarigione e risoluzione completa della patologia in 22 casi. Negli altri pazienti si sarebbero rese necessarie procedure specifiche che però necessitavano di attrezzature per "noi" banali ma localmente non presenti come ad esempio un sistema di broncoaspirazione composto da un broncoscopio con fontana luminosa.

A seguito di tutto ciò mi sono impegnato personalmente a continuare il percorso intrapreso con la promessa di cercare di instaurare un rapporto formale con il Nostro Paese e più precisamente con la Facoltà di Medicina dell'Università di Bologna che allo stato attualmente sembra sia stato localmente recepito ma in fase di "gestazione".

Il primo passo così dovrà essere mio e pertanto sono alla ricerca di fondi finanziari da impegnare nell'acquisto di un broncoscopio flessibile con rispettiva fontana luminosa e sistema di aspirazione, del costo approssimativo di 11.000 Euro, che personalmente consegnerò al St. Francis Hospital impegnandomi nell'insegnamento pratico del suo impiego al personale medico operativo in loco.

Questa necessità e l'aiuto di amici subacquei, i "Divers for Africa", mi ha spinto ad organizzare una serata di beneficenza, il cui tema sarà naturalmente il mare, durante la quale verranno raccolti fondi per l'acquisto delle strumentazioni sopraccitate.

La data della serata è stata fissata per MERCOLEDI' 15 GIUGNO alle ore 21 presso il teatro dell'Antoniano di Bologna. La manifestazione, che avrà divulgazione regionale, sarà condotta dal giornalista della RAI M.Cobellini ed interverranno personalità di spicco del mondo subacqueo quali il noto fotografo P. Dilenge, il biologo A. Rinaldi e tanti altri. Mi rivolgo pertanto alla vostra attenzione per invitarvi alla serata.

Dr Manuele Grazia

Chirurgia Toracica, via Massarenti 9, S. Orsola-Malpigni

Tel. 051-344068
Cell. 335-6919959
E-mail: graziam@aosp.bo.it



Angolo arrotondato Angolo arrotondato
Facebook Twitter Linkedin