Sulla cresta dell'onda

Cervia (RA): torre di San Michele e Magazzini del Sale

cervia_stemma Da Dizionario Corografico dell'Italia, vol. II, Milano, Vallardi, 1875

L'origine del nome di Cervia è controversa: la tradizione locale, infatti, fa risalire il nome a una leggenda secondo la quale un cervo - dei tanti che popolavano i boschi circostanti - si prostrò in venerazione davanti a San Bassano, Vescovo di Lodi, che si trovava a passare nella foresta.

Da allora il cervo inginocchiato su terreno verde è presente nello stemma della città.

Tuttavia gli "Acervi" erano gli ammassi di sale depositati ai margini della salina dopo la raccolta. E la storia intera della città, propaggine meridionale della laguna veneta, ruota attorno alle saline, già importanti al tempo degli Etruschi che usavano il sale come merce di scambio.

Il Magazzino del sale Torre di Cervia ospita, oggi, il Museo del Sale. È un massiccio edificio, lungo 66 metri per 6 di larghezza, fatto costruire in mattone rosso dal conte Michelangelo Maffei tra il 1689 e il 1691, per accogliere oltre 100.000 quintali di prodotto.

Il Museo ospita anche un presepe costituito da sculture di sale, realizzato da un anziano salinaio nel 1992.

cervia9
cervia10

Il Museo fa parte del complesso dei "Magazzini del Sale", imponente esempio di architettura tardo-secentesca, articolato in sedi distinte sulle opposte sponde del canale di scolo delle acque delle saline.

Oltre al Museo ne fanno parte il magazzino "Darsena", costruito nel 1712 per immagazzinare le grandi quantità di sale che le barche, dette "burchielle", trasportavano dalle saline; e l'adiacente Torre San Michele, che ha ospitato la biblioteca civica, ora trasferita in altra sede.

cervia6
Il magazzino "Darsena"
cervia_darsena
cervia8
cervia7
cervia1

La torre, eretta con funzioni di difesa antipiratesca, è un edificio a pianta quadrangolare di modeste proporzioni; è caratterizzato dalla presenza di caditoie al centro di ciascun prospetto, alla base della terrazza di copertura, oggi modificata e coperta con tetto a spioventi per restituire la torre all'uso pubblico.

cervia2
cervia3
cervia4
cervia5
Al di sopra della porta di accesso si trova un bassorilievo che rappresenta San Michele.
Foto Paola Presciuttini e Irina Rocchetta, 15 novembre 2006