Sulla cresta dell'onda

Il castello di Spotorno (SV)

spotorno_castello5

Spotorno, anticamente parte del Comitato di Noli, nel XII secolo divenne feudo del Vescovo di Savona, che già nel 1180 risulta in possesso del castello. La fortificazine ebbe vita travagliata: abbattuta all'inizio del Duecento, fu restaurata nel 1218 ma fu nuovamente distrutta dai cittadini di Noli che attaccarono Spotorno nel 1227.

Riedificato nelle sue forme attuali tra il Duecento e il Trecento, nel 1333 fu acquistato dal Comune di Savona e nella seconda metà del Cinquecento passò al casato dei De Loterio che ne ebbero il possesso sino al 1916.

Nel 1933 fu sottoposto a vincolo di tutela dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici.

La fortezza, su un colle opposto a quello dove si trova la torre Coreallo, si erge sulla nuda roccia che affiora in più punti. Ha pianta grosso modo rettangolare, è costruita in muratura mista di pietra e mattoni, con spigoli di pietre squadrate, e ha conservato guardiole pensili sugli angoli. La cortina di nord-ovest, con base leggermente scarpata, presenta strette feritoie al coronamento, dove correva il camminamento di ronda, in parte ancora praticabile.

spotorno_castello4

Evidenze di caditoie si trovano sulla cortina di sud-ovest, sopra la porta di ingresso centrale, e sulla cortina di nord-est davanti alla quale sono rimasti residui delle mura perimetrali del comprensorio; nella parte bassa delle cortine si aprono cannoniere per bocche da fuoco a lunga gittata, di epoca presumibilmente cinquecentesca.

spotorno_castello3
spotorno_castello1

All'interno del castello restano tracce delle suddivisioni interne nella parte verso monte, mentre nella metà anteriore doveva esserci una piazza d'armi.

spotorno_castello
Da Il Finalese e la costa da Vado a Ceriale, SAGEP 1980

cfr. anche I Castelli della Liguria / "Architettura fortificata ligure",
Mondani Editore, 1973
(Foto W. Rossi, 29 aprile 2007)