Sulla cresta dell'onda

Corsica, capo Corso: la torre di Erbalunga

Situata su di un piccolo sperone di roccia sulla marina di Erbalunga, di notevole importanza strategica, la torre esiste gi nel 1480, ed teatro di scontri descritti nelle cronache genovesi. Alla fine del Quattrocento non pi citata e i cronachisti dell'epoca presumono che sia gi distrutta.

Torre di Erbalunga

All'inizio del secolo successivo la popolazione locale chiede un prestito al Banco di San Giorgio per finanziare i lavori di ricostruzione o di ripristino della torre, e ulteriori interventi sono documentati nel 1560.

Ai decenni seguenti risalgono carteggi vari, da cui si desume che gli abitanti di Brando prestano servizio di guardia nella torre, e se ne accollano la manutenzione e l'armamento.

Le ultime testimonianze risalgono al 1713, quando presso la torre si svolge un servizio di controllo sanitario e doganale.

Il manufatto misura circa 11,70 metri di diametro per un'altezza di circa 12, ed stato consolidato negli scorsi anni Ottanta. E' tuttavia parzialmente privo della terrazza di copertura e dei beccatelli di sostegno del parapetto, mentre lo scudo a protezione della piazza d'armi largamente lacunoso. Ha conservato tracce dell'intonaco originale e della scala di pietra che conduce alla terrazza.

(Paola Presciuttini, 20 maggio 2005)