Sulla cresta dell'onda

Porto Maurizio (Imperia)
chiesa e mura di Santa Chiara - oratorio di San Pietro

Portomaurizio in una veduta a matita (part.), preparatoria all'incisione su rame per la pubblicazione sulla carta nautica del Mar Ligure, probabilmente opera di Alberto Porro (1843-1892), disegnatore presso l'Istituto Idrografico della Marina
portomaurizio

Porto Maurizio sorge probabilmente su un antico insediamento romano, essendo citata nell' Itinerario marittimo di Antonino del IV secolo, (in rete alla pagina apposita di www.romaeterna.org).

Tradizione vuole che abbia preso il nome da un Maurizio martire, capo della Legione Tebea, oppure dall'imperatore bizantino Maurizio, che probabilmente vi aveva creato una base navale.

Il castrum è citato in documenti del secolo XI, dal che si deduce che le mura erano già state erette, a protezione del borgo probabilmente fondato dagli abitanti della costa in fuga davanti ai Saraceni.

Sul finire del XII secolo entra a far parte della Repubblica di Genova, che ne potenzia le difese marittime con l'ampliamento del porto.

Sulla sommità del colle, nell'area oggi nota come Parrasio, nel 1402 viene eretto il "Palatium" - localmente detto "Parraxu" - sede del Vicario di Genova, fortificato con torre. Alla metà del Cinquecento, con l'approssimarsi dei Saraceni, si fortificano le mura ma le difese più importanti sono realizzate dopo il 1625, durante la guerra tra la Repubblica e i Savoia per il possesso del marchesato di Zuccarello.

Si realizzano fossati, quattro baluardi, tre torrioni e un ponte levatoio, che svariati documenti secenteschi menzionano in relazione a lavori di manutenzione e potenziamento.

portomaurizio_bis

Intorno al 1740 sulle mura cinquecentesche si innalza il convento di Santa Chiara con un loggiato verso mare, che ingloba una torre a pianta circolare, in allineamento con la torre Prarola.

portomaurizio7
portomaurizio4
portomaurizio1
portomaurizio2
portomaurizio3
Nelle immagini precedenti la torre vista da ponente, l'ingresso alla torre sotto il loggiato, e a ponente, in distanza, la torre Prarola

Nelle vicinanze si trova l' oratorio di San Pietro, il più antico edificio religioso della città. Costruito nel XII secolo come cappelletta della Compagnia dei Mercanti, divenne poi proprietà di nobili famiglie che lo trasformatono in cappella gentilizia. Alla fine del Cinquecento fu assegnato alla Confraternita dei Disciplinanti di San Pietro che lo ampliarono e, verso le metà del Settecento, fecero costruire il porticato sui resti delle mura cinquecentesche, mentre la torre saracena fu inglobata nell'oratorio e fu trasformata in torre campanaria.

portomaurizio6
portomaurizio5
(Foto V. Rossi, luglio 2005)