Sulla cresta dell'onda

Corsica, capo Corso: la torre di Meria

Il comune di Meria, sul versante orientale del Capo Corso, con poco meno di cento residenti, apparteneva alla signoria dei Da Mare di San Colombano di Rogliano.


L'incantevole marina Ŕ dominata da una torre genovese cinquecentesca, citata nell'atto di spartizione del feudo, risalente al 1524.

Svariati documenti del Seicento sino alla metÓ del secolo successivo accennano invece all'armamento della guarnigione.

Caduta in disuso, era in precarie condizioni di stabilitÓ fino al recente intervento di restauro conservativo, che ha consolidato la struttura senza modificarne le situazione attuale.

╚ un manufatto alto circa dieci metri, molto simile alla torre della Marina de Negru

Ha pianta circolare, con leggera scarpa e cordolo di raccordo al soprastante corpo tronco-conico, con coronamento aggettante e fitte caditoie su beccatelli, oggi ridotte a dodici sul solo versante di nord-est.


 
(Paola Presciuttini, 20 dicembre 2004)