Sulla cresta dell'onda

Sanremo: Torre dell'Arma

arma1
Foto Sara Campora

Nel mese di giugno 1561 la costa ligure fu flagellata dalle scorrerie dei pirati barbareschi, che approdarono a Capo Don e devastarono la costa fino a Santo Stefano.

Taggia, invece, riuscì a respingere l'attacco del rinnegato Ulugh-Alì, il "Lazzaro Calabrese", alias Giovanni Galeni, rapito da bambino dalle orde di Kair-el-Din Barbarossa, durante un'incursione barbaresca nei pressi di Capo Rizzuto.

Probabilmente per sottrarsi alla schiavitù, non ammessa dal Corano per i Musulmani, si era convertito all'Islam ed era diventato una figura chiave nella marineria ottomana, specialmente dopo la morte, nel 1565, di Dragut, ucciso durante un assalto all'isola di Malta.

Le devastazioni e i rapimenti continuarono negli anni successivi, mentre le comunità rivierasche andavano rapidamente innalzando baluardi di difensa e allertamento.

arma6

Nel 1563 la popolazione di Taggia e di Bussana si accollò l'onere della costruzione di una torre, probabilmente su di un precedente impianto romano del II secolo, di cui tuttavia sono andati perduti i ruderi e la lapide che ne testimoniavano l'esistenza.

Quel primo castello era stato occupato dai Saraceni in più riprese prima del Mille e, quando era stato nuovamente espugnato e trasformato in covo corsaro nel 1270, il Senato ne aveva disposto la distruzione per sconfiggere gli occupanti.

arma4
Foto Sara Campora

Ripresentatasi la minaccia turco-barbaresca nel Cinquecento, la torre fu riedificata. Il manufatto - a pianta romboidale, con alta scarpa e cordolo di raccordo al soprastante parapetto e scala interna in muratura - si erge sul promontorio della grotta dell'Arma e non ha subito trasformazioni nel corso del tempo.

Per queste sue caratteristiche somiglia alle torri di Aregai e di Riva Ligure.

arma2
La torre, nella foto in alto vista da ponente e qui da mezzogiorno, è di proprietà privata ed è strutturalmente solida.
Si trova sul confine del territorio di Arma, frazione di Taggia,
e amministrativamente ricade oggi nel territorio di Sanremo.
arma5
Foto W. Rossi, aggiornamento 30 febbraio 2008