Sulla cresta dell'onda

Remo

Stanga, asta lunga e diritta di legno (frassino o faggio), cilindrica da una parte fin quasi a metà e dall'altra terminante in forma piatta, per far leva nell'acqua e muovere un'imbarcazione. (v. Jal).
Si divide in tre parti: Girone, Ginocchio, Pala.

Paddle

Corto e largo remo come quelli di uso indigeno in India, Africa e America. Le descrizione di questo tipo di remo è quella data dallo Stratico per il vocabolo Pagaia. E' molto usato nelle canoe sui fiumi americani.

Remi accoppiati, appaiati

Due remi maneggiati da un solo vogatore, seduto in mezzo al banco dell'imbarcazione, o da due uomini seduti sullo stesso banco.

Remo alla battana

Il remo che il vogatore, seduto, tiene con le due mani per la parte centrale, immergendolo in acqua con rapido movimento dai due lati, alternatamente. (v. Battana)

Remo da bratto

v. Brattare.

Remo a doppio scalmo

Remo il cui ginocchio rigonfio sta tra due caviglie.

Remo a forcella

Remo che appoggia il ginocchio sopra caviglia forcuta. (Guglielmotti).

Remo da gondola

Quello che si usa, nelle imbarcazioni lagunari del tipo della gondola, su di una forcola posta lateralmente a poppa, maneggiato da un solo vogatore che sta ritto in piedi con la faccia a prora.

Remo di governo

Remo adoperato come timone (Corazzini).

Remi da lancia

Remi accoppiati. (Fincati).

Remo a natola

Remo senza scalmo e stroppo, uscente da cavatoia che si apre e chiude con la falca. (Guglielmotti).

Remo di nave (ant.)

Remo da galera usato di rado nelle navi e nelle fregate, che era qualche volta adoperato al governo del bastimento in tempo di calma. (Stratico).

Remi a palette

V. Palette.

Remi a pariglia

V. Palette.

Remo a portelli (ant.)

Remo che esce dai portelli. (Guglielmotti).

Remo a posticcio (ant.)

Sulle galere, quello che non posava sopra il capo di banda, ma sopra un telaio sporgente al di fuori, per poter avere una maggior lunghezza e maggior braccio di leva. (Guglielmotti).

Remo di punta

Ciascuno dei remi disposti in modo che vi sia un remo per ogni banco, alternatamente uno a sinistra e l'altro a destra. (Stratico).

Remo allo scalmo

Remo che gioca legato dallo stroppo a una caviglia verticale, di ferro o di legno. (Guglielmotti).

Remo di scaloccio (ant.)

Remo lungo, a bordo delle galere, maneggiato da 3, sino a 6 uomini messi a scala, cioè ordinati in vari gradi tra pedagna, banchetto e banco.

Remo sensile

Quello la cui parte interna al galleggiante è tanto lunga da occuparne, durante la voga, quasi tutta la larghezza, sicché ad ogni banco prende posto un sol vogatore che voga in piedi con la faccia a prora. E' il remo ganeralmente in uso nelle barche da pesca. V. Galea.

Remi ad tersarolos, ad quartarolos, ad quintarolos (basso lat.)

Remi collocati a tre, a quattro o a cinque su un solo banco. (V. Jal).

Remo semplice

Manovrato da una sola persona, in contrapposto a remo di scaloccio, manovrato da più persone.